L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

15/06/2005 19:01:51

Crisi epilettiche dovute ad un asportazmeningioma

Mia madre 75 anni e' stata operata di tumore due anni orsono e sono comparse le prime crisi epilettiche, dietro consiglio medico ora prende 300 mg di fenitoina che le tolgono le forze, non riesce piu' a camminare da sola ed in ultimo non la riparano nemmeno dalle crisi che ogni 2 /3 mesi si ripetono. chiederei gentilmente se e'possibile entrare con l'omeopatia e con tempi ragionevolmente brevi ( parlo di mesi) togliere la dintoina ?A CHI RIVOLGERCI VIVIAMO IN PORTOGALLO /ALGARVE, C'E' QUALCHE BUON CENTRO A LISBONA ? GRAZIE DI CUORE PER UNA VS RISPOSTA TANCORRE

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del18/06/2005

Innanzi tutto dimentichi che esista l'omeopatia, almeno per le patologie serie. Detto questo bisogna innanzi tutto escludere una eventuale recidiva del meningioma che, seppur benigno, può riformarsi. In secondo luogo bisogna "aggiustare" la terapia anticomitiale sia con eventuali farmaci diversi dalla dintoina sia in associazione. Si rivolga ai medici che hanno operato Sua madre o a un neurologo.
Cordialità ed auguri

Dott. Giovanni Migliaccio
Medico Ospedaliero
Specialista in Neurochirurgia
MILANO (MI)


Risposta del19/06/2005

Sua madre ha avuto un meningioma che è una malattia ben precisa per cui ha subito un intervento chirurgico.
Il fatto che abbia delle crisi epilettiche è molto frequente in situazioni analoghe.
Il trattamento delle crisi epilettiche si fa assumendo dei farmaci specifici che bloccano la "iperattività delle cellule nervose".
La terapia attuale sembra dare degli effetti collaterali e forse andrebbe rivista.
Dimentichi l' omeopatia e si rivolga ai medici che hanno operato sua madre, per valutare l'attuale situazione neurologica (probabilmente ripetendo delle neuroimmagini). Devono essele loro i referentii ed anche i medici che sono in grado di valutare la revisione della terapia antiepilettica.

Prof. Milena De Marinis
Universitario
Specialista in Neurologia
ROMA (RM)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra