L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

01/05/2005 20:38:54

Cura pressione arteriosa,diabete mellito 2,post tumore

Buona sera egregi DOTTORI,
sono donna ed ho 89 anni..
da 32 anni per il controllo della pressione arteriosa assumo farmaci.
in questo momento assumo DEITEN 1 compressa da 20 mg al mattino e ACEQUIDE mezza compressa da 20 mg +12,5 mg alla sera...

x il diabete tipo 2 assumo GLICAZIDE 160 mg con 80 mg di principio attivo cod. A10bb09
fino al ottobre 2004 1/2 compressa prima di pranzo e 1/2 prima della cena.... la glicemia sali' fino a 300 e allora mi venne aumentata la dose da 1/2 compressa a 1 compressa prima dei pasti principali pranzo e cena piu'
GLUCOBAY 50 mg prima di pranzo e 50 mg prima della cena..
da allora la glicemia e' scesa lentamente a 200 valore attuale
la dieta nel limite del possibile e' controllata..

in seguito alla aspotazione del seno x tumore maligno effettuato nel dicembre 1989 assumo NOVAFEN cod L02BA01 1 cmpr al giorno..

qualche tempo addietro il mio medico di famiglia mi ha consigliata di assumere SIMVASTATINA 10 mg al giorno..

questa ultima medicina non ho ancora iniziato ad assumerla..

domande
1)tutte queste medicine sono compatibili e posso assumerle contemporaneamente e continuamente x lunghi periodi?

2)vista la difficolta' della glicemia a riportarsi a dei valori piu' bassi e' consigliabile cambiare tipo di medicine o aumentare le dosi?
oppure non si puo' fare di meglio vista la mia avanzata eta'?

3)secondo Voi la SIMVASTATINA la devo assumere e quali benefici mi procura?

Vi ringrazio vivamente albina

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del04/05/2005

Cara Albina,Le rispondo per punti:
1.la sua glicemia dovrebbe essere tra 100-140 a digiuno e tra i60-180 dopo i pasti,e sarebbe,se possibile,indicato reflettometro,strumento con il quale puo' rilevare le glicemie autonomamente.Con la terapia attuale,la glicemia a diguno è troppo elevata, e quindi bisognerebbe cambiare terapia per il Diabete ,la quale dipende anche dalla funzionalita' renale ed epatica(che consiglio di valutare)
2.Oltre alla glicemia,è necessario eseguire almeno 3 volte all'anno l'esame dell'emoglobina glicata,che indica il compenso medio dei 3 mesi precedenti.
3.Andrebbe aggiunta alla terapia,se non controindicata,terapia antiaggregante con piccole dosi di aspirina
4.la terapia con statina consigliata,va bene,in quanto probabilmente ha dei livelli di colesterolo alti,anche se ,data l'eta' sceglierei pravastatina
5.La terapia antipertensiva puo'andare bene se la pressione art.si mantiene sui 130-80.Se fosse maggiore va modificata.
Si consulti con il suo medico,faccia gli accertamenti richiesti(funz.renale,lipidi,hbglicata,automonitoraggio) e poi possiamo rivedere il caso.Spero di non averLe complicato la vita,ma curare il Diabete significa questo(e altro)
Cordiali saluti.

Dott. Raffaele Canali
Medicina generale convenz.
Specialista attività privata
Specialista in Endocrinologia e malattie ricambio
DESIO (MI)


Risposta del05/05/2005

Gentile signora ,
i medicinali che assume sono tutti praticamente utili se non necessari, comunque qualche eccezione possiamo farla ad esempio :
1) mi domando quale siano i suoi valori di colesterolemia , trigliceridi e HDL/LDL per convincere il suo Medico a
prescrivere a 90 anni la simvastatina ( prevenzione un po' tardiva )
2) è proprio necessario assumere due categorie di antiipertensivi ? ( ci informi sui suoi valori pressori )
3) quale sono i suoi valori glicemici nell'arco della giornata ? ( possibile ulteriore controllo ? )
4) la simvastatina , come le altre statine , serve ad abbassare la colesterolemia e a ridurre il rischio trombotico
degli eventi cardiovascolari .
5) sarebbe opportuno , vista l'interazione di tutti i farmaci a livello epatico e muscolare che lei esegua periodicamente controlli di CPK, GOT/GPT , e emocromo .

Cordiali saluti , Dr. B.Zazzaro

Dott. Bernardino Zazzaro
Medico Ospedaliero
Specialista in Malattie del fegato e del ricambio
Specialista in Medicina interna
SIRACUSA (SR)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra