L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

02/11/2006 19:06:05

Cure

Salve ho 50 anni e da circa un mese soffro di dolori che partono dalla regione cervicale e si irradiano verso la spalla, braccio e mano destra. Sono presenti inoltre formicolii persistenti simili a scosse elettriche partono dal braccio giungono fino alle dita quando devo fare movimenti verso l'alto e devo usare il mouse. La risonanza e le lastre hanno evidenziato:
RMC RM cervicale senza mdc
Indagine realizzata con sequenze T1 T2 sul piano sagittale e trasversale. Alterazioni degenerative di tipo involutivo fibroadiposo del midollo osseo in corrispondenza dei somi C5-C6. Note degenerative osteoartrosiche sempre accentuate a tale livello; il diametro del canale spinale è nella norma. A livello C5-C6 è presente discopatia con protrusione ad ampio raggio del disco a maggior evidenziazione a livello intraforamniale destro dove concomita una riduzione d'ampiezza dei forami di coniugazione per lesioni degenerative osteoartrosiche. A livello C6-C7 discopatia. Non franche formazioni erniarie ai restanti spazi studiati. Non aree di alterato segnale a livello della corda midollare.
RX RACHIDE CERVICALE
Rachide cervicale in asse con spondilo disco-artrosi degli ultimi segmenti. Uncoartrosi diffusa. Irregolarità e restringimento dei forami di coniugazione in ambedue i lati a livello degli ultimi segmenti. Allineamento conservato con inversione in cifosi nel tratto distale in corrispondenza di severa spondilodiscoartrosi osteofitosica C5 e C6. Non alterazionei osteostrutturali nè calcificazione delle parti molli alla spalla dx.
Cosa mi consiglia di fare ? E' possibile fare, solo nel caso in cui ce ne fosse l'effettiva necessità, un intervento alternativo piuttosto che quello tradizionale ? Grazie,fiduciosa in una sua risposta

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del05/11/2006

Gentile signora,
per poter decidere una terapia sia medica che soprattutto chirurgica, è necessario visitare il paziente e valutare gli esami eseguiti o eventualmente da eseguire. Nel Suo caso è probabile che sia necessario intervenire chirurgicamente, ma per scegliere anche il tipo di tecnica, l'innesto di eventuali protesi ecc. è necessaria una valutazione clinica diretta.
Si rivolga a un Neurochirurgo.

Dott. Giovanni Migliaccio
Medico Ospedaliero
Specialista in Neurochirurgia
MILANO (MI)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra