13/04/13  - Danni celebrali boxe - Mente e cervello

Danni celebrali boxe




Domanda del 13 aprile 2013

Domanda


Sono un ragazzo di 21 anni e da qualche mese pratico boxe tre volte a settimana, ho trovato su internet pareri discordanti riguardo ai danni che che la boxe può causare a lungo andare al cervello, anche su questo sito, e mi piacerebbe avere delle risposte abbastanza certe sulla esistenza o meno di rischi correlati alla pratica della boxe. Non ho fatto ancora veri e propri incontri ma solo combattimenti (anche abbastanza duri) durante gli allenamenti. E' sconsigliato fare veri e propri incontri? Bisogna limitare il numero di combattimenti durante gli allenamenti? E' uno sport che posso tranquillamente continuare a praticare per anni o mi espone a rischi? Spero che queste domande troveranno delle risposte.
Grazie anticipatamente
Alessandro
Risposta del 16 aprile 2013

Risposta


gentile Alessandro i traumi al cranio provocano dei contraccolpi a livelli del cervello che a lungo andare possono provocare danni neurologici tra cui il Morbo di Parkinson, malattia piuttosto frequente nei professionisti. Rischi di traumi importanti possono intercorrere anche nei dilettanti soprattutto per la minore esperienza nel parare i colpi ed in qualunque momento per cui consideri questo nella sua pratica sportiva




Dott.ssa Maria Letizia Primo
Specialista attività privata
Specialista in Medicina legale
Specialista in Psichiatria
Specialista in Scienza dell'alimentazione
Torino (TO)

Il profilo di MARIA LETIZIA PRIMO
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Altre domande di Mente e cervello



Cerca nel sito


Cerca in


Ricette  |  Farmaci  |  
Schede patologie


Cerca il farmaco
Dizionario medico


Potrebbe interessarti