L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

23/09/2008 17:55:25

Danno al nervo radiale

Mia figlia, di 34 anni, il 30 agosto è stata coinvolta in un incidente stradale riportando frattura scomposta dell'omero e deficit motorio del nervo radiale. La frattura è stata operata e porta il gesso. Per fare un esame elettromiografico bisogna aspettare di togliere il gesso? Questo ritardo porta danno?
In quali casi il nervo radiale si può operare? Quando non è possibile miglioramento nemmeno a lungo termine?
Grazie padre preoccupato

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del26/09/2008

La esecuzione dell'intervento ha consentito di valutare la continuita' anatomica del n. radiale(questo si deduce dal fatto che parla solo di intervento sulla parte ossea).Una valutazione elettromiografica necessita di poter esaminare i muscoli dell'avambraccio, ed il pollice,pertanto sara' necessario attendere la rimozione del gesso.Il ritardo ( ma non lo e' ) non modifica la evoluzione verso il recupero salvo eccezzioni. Una eventuale formazione di aderenze post trauma ed intervento potrebbe rendere necessario/utile un successivo intervento.Se come sembra non c'e' stata sezione del nervo, puo' essere utile eseguire almeno un esame ento 4 mesi.La eventuale rigenerazione delle fibre che eventualmente sono andate perdute avviene in genere nell'ordine di 1 mm al giorno e per essere utile richiede che la muscolatura bersaglio non perda troppe fibre.
Cordiali saluti ed auguri per sua figlia.

Dott. Roberto Mariorenzi
Medicina generale convenz.
Specialista in Neurologia
SABAUDIA (LT)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra