L'esperto risponde

Domanda di: Stomaco e intestino

12/01/2011 09:33:31

Debridat e calprotectina

Buongiorno, ho 33 anni e 5 anni fa mi è stato diagnosticato il colon irritabile; dopo la terapia (zirfos e duspatal) sono stata bene sino a giugno 2010 quando si sono ripresentati i seguenti sintomi: episodio improvviso di diarrea, seguito da cistite curata con antibiotici x 5 gg. e successiva candida vaginale. Nel mese di giugno fino alla partenza per le vacanze di luglio ho avuto problemi intestinali, non più diarrea ma feci molli e defecazione 2/3 volte al di; poi durante le vacanze è scomparso tutto fino ad ottobre con ricomparsa di meteorismo, spasmi, flatulenza (ultimamente però questi sintomi si sono molto alleviati, quasi del tutto scomparsi); defecazione mattutina, ma ansia di tornare in bagno + volte al giorno e giorni in cui vado in bagno 2/3 con feci molli. Sono seguita da un gastroenterologo, tutti gli esami eseguiti a marzo e a dicembre sono risultati negativi, l’unico esame che non ho fatto (e vorrei non fare) è la colonscopia; ho letto che un esame importante che da indicazioni specifiche è la calprotectina sarebbe il caso di farlo a questo punto prima di una colonscopia?perchè non mi è stato prescritto?sono sicura che la causa sia psicosomatica, ma ormai la situazione perdura da parecchio tempo e non capisco. Attualmente sto prendendo: zirfos e entereloctis plus a cicli alterni e duspatal a cui ho aggiunto negli ultimi giorni debridat (ma è più indicato per la colite o la stipsi?). Ultima nota: mia nonna all’età di 80 anni è comparsa colite ulcerosa, c’è familiarità? Grazie in anticipo
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:

Risposta del17/01/2011

Lei ha sintomi classici riferibili a un colon irritabile, che - come sa - non è sempre facile curare. Però, una cosa è una vera Diarrea ( cioè tente scariche durante la giornata ), che - ovviamente - va ridotta, e un'altra cosa è la consistenza delle feci, che, invece non ha alcuna importanza. Non guardi la consistenza delle feci. La calprotectina è un marcatore che si usa come complemetno per una eventuale diagnosi di malattia infiammatoria. La colonscopia si fa proprio per avere la conferma che si tratti di un " semplice" colon irritabile e non di una malattia infiammatoria. La Colite ulcerosa non è ereditaria.


a href="/Alberto_Tittobello?esp=7921" Prof. Alberto Tittobello /a
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Milano (MI)



Altre risposte di Stomaco e intestino


© RIPRODUZIONE RISERVATA