L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

02/02/2005 16:02:37

Definizione di dislessia

Sono un'insegnante che ha partecipato ad un convegno internazionale tenuto a San Marino, a settembre 2004, sul tema in oggetto. Qui hanno illustrato la dislessia come un problema funzionale innato, mentre, parlando con alcuni neuropsichiatri infantili della mia città, vengo a sapere che si tratta di un problema di origine psicologica. Per me la diagnosi è importantissima perchè da essa dipendono le azioni da mettere in campo per favorire l'apprendimento e quindi vorrei sapere se esiste una definizione di dislessia (e di tutti gli altri DSA) ufficialmente riconosciuta dal Ministero della Sanità e se posso consultarla a mezzo internet in qualche sito che voi mi indicherete.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del05/02/2005

Lei tocca un delicatissimo argomento: quanto della mostra personalità e delle nostre patologie è riconducibile a predisposizioni genetiche e quanto dipende dalle interazioni con l'ambiente?
Quanto è immodificabile e quanto no?
Le riporto questo aneddoto(vero)perchè leo tragga le sue conclusioni:
anni fa in una scuola primaria canadese una équipe di psicologi ha condotto una ricerca che aveva come argomento "il rendimento scolastico in relazione alla aspettativa dei docenti".
Hanno preso due gruppi di studenti.
Ad un gruppo hanno fatto vari test di intelligenza ecc. e ne hanno riferito l'esito ai docenti.
Nel secondo gruppo hanno fatto gli stessi test, ma ai docenti hanno riferito risultati opposti (se un ragazzo risultava intelligente han detto che aveva difficoltà e viceversa).
Alla fine dell'anno gli psicologi hanno valutato i progressi fatti dagli studenti, sia considerando la valutazione degli isegnanti che considerando propri parametri.
Ebbene, risultavano con progressi notevoli .....i ragazzi che erano stati presentati come "intelligenti e ricchi di possibilità", indipendentemente dal fatto che questo fosse vero o no.
Lascio a lei la conclusione, con la speranza che la scuola torni ad essere un luogo di formazione delle giovani menti e non il luogo delle diagnosi.
Buon lavoro.

Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista in Psicologia
Specialista attività privata
BRESCIA (BS)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra