L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

02/11/2005 20:18:54

Depressione, ansia, cosa?!

Gentile dottore,
sono un ragazzo di 21anni e da che ne ho memoria ho sempre avuto dei problemi a rapportarmi con gli altri, una situazione che mi ha portato spesso a prendere le distanze dal resto del mondo, ho iniziato a soffrire anni fa di depressione, i miei genitori hanno prontamente addossato le colpe ad una adolescenza un po' atipica, ma pur sempre uno stadio passeggero della mia vita, e non ci hanno dato molto peso, personalmente non credo di esserne mai uscito del tutto e qualche crisi anche molto forte, ancora oggi mi tormenta di tanto in tanto, non so se questo carattere un po' introverso, o "quel qualcosa" che ho avuto a sedici anni mi abbiano portato a divenire ora ansioso, infatti soffro di stati d'ansia che si manifestano in qualsiasi momento, che mi provocano una sudorazione anomala, il classico nodo in gola e un tremore diffuso e mi inibiscono quindi in tutto cio' che faccio. Questo mio essere insicuro, mi ha anche portato ad avere alcuni problemi, nella mia vita sessuale (ansia da prestazione)...in pratica vedo solo regressione quando penso a questi miei problemi. Purtroppo non potro' permettermi, per via del mio disagio finanziario, una cura psicologica adeguata, percio' potrebbe gentilmente dispensarmi qualche buon consiglio.
La ringrazio.
Tommaso

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del08/11/2005

E' frequente che nell'adolescenza si manifestino stati ansiosi o depressivi, che purtroppo il più delle volte vengono sottovalutati. A mio parere sarebbe invece opportuno essere attenti a cogliere i segnali di un disagio che , se ben inquadrato, si rivolve abbastanza facilmente. Forse lei potrebbe rivolgersi ad un medico con competenze psicoterapeutiche, in grado quindi sia di valutare eventuali aspetti puramente biologici del problema, sia di valutare le implicazioni di perosonalità. Nella mia esperienza clinica i diasgi come il suo, alla sua età, si risolvono con una psicoterapia mirata ed eventualmente un piccolo aiuto farmacologico.

Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra