L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

18/04/2005 13:24:50

Depressione occasionale.

Sono una donna di 44 anni e sin da ragazzina ho sofferto di malinconia, tendenza a chiudermi in casa, timidezza e pianti immotivati. Verso i trent'anni ho cominciato grazie alla psicoterapia, a comprendere quanto abbia avuto a che fare l'influenza di mia madre nella mia formazione caratteriale, è una brava persona ma troppo oppressiva e ansiosa e non mi ha mai incoraggiato, in nulla anzi il contrario. Comunque ho vissuto le mie esperienze (amorose, lavorative, amichevoli), anche se in netto ritardo rispetto ai miei coetanei. E la depressione ogni tanto si fa sentire. E' difficile, poco obiettivo descrivermi ma ci provo: sono emotiva, indecisa, senza entusiasmo, fortemente incline a soffrire per amore, insomma un pò masochista forse, ho poca energia e tanto tanto SONNO, dormirei sempre. L'anno scorso, in un momento molto difficile per me, ho assunto antidepressivi consigliata vivamente dal mio medico, che mi vedeva troppo prostrata: ho preso Seroxat, poi Fluoxeren, poi Cipralex. Man mano prendevo i farmaci però mi rendevo conto che non stavo molto meglio e, parlando con il medico, me li sostituiva di volta in volta. Ma continuavo ad avere sonno la sera, niente energia e rimanevo apatica. Tre anni prima avevo preso Seroxat per qualche mese e avevo avuto risultati stupendi, mi ero sentita meravigliosamente, piena di voglia di fare! Come mai due anni dopo non mi ha dato lo stesso effetto? Considerate le mie caratteristiche, cosa potrebbe essere indicato per me? Premetto che mi sono sempre rivolta al mio medico generico, non saprei da chi altri andare, non mi fido molto. Grazie di cuore per l'attenzione! Malvina

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del26/04/2005

Mi sembra che il suo medico la stia seguendo egregiamente, quindi ne parli con lui.
Però oltre ai farmaci lei dovrebbe, eventualmente con l'aiuto di qualcuno, riorganizzare le sue giornate in modo da darsi degli obiettivi a breve e medio termine.
E' importante lavorare sui progetti del presente e del futuro, anche piccoli progetti, ma tali da rimettere in gioco l'energia.


Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra