L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

25/03/2008 20:44:45

Depressione

Soffro da circa 15 anni di attacchi di panico e depressione.Dopo tanto tempo ho trovato la cura adatta:paroxetina 20 mg + clonazepan 15gocce die + sotalolo 80 mg.Il problema e' il dosaggio nei periodi critici(primavera, autunno periodi no ecc.)Il medico mi consiglia di incrementare a30mg la paroxetina.In effetti i fenomeni di Ansia e somatizzazione che mi lacerano si riducono intensamente, ma gli effetti collaterali che a venti mg.sopportavo abbastanza bene diventano isopportabili.A parte quelli "canonici":stitichezza,sudorazione eccessiva,sedazione ewd eccitabilita',diminuzione della libido ecc.,accuso una sindrome amotivazionale che condiziona tutta la mia vita che gia' e' molto difficile.Sono passivo,accetto tutto con passivita',non mi commuovo piu',non mi intaccano le emozioni,non ho voglis di uscire piu' di casa ecc.Cosa devo fare?

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del28/03/2008

Salve,
il disturbo di panico e la Depressione maggiore ricorrente sono due disturbi che spesso si associano e che condizionano gravemente la qualità di vita, il funzionamento sociale, relazionale e lavorativo.
E' fondamentale però una diagnosi corretta e l'approccio terapeutico non può essere esclusivamente farmacologico ma necessariamente psicoterapeutico e farmacologico.
La relazione medico psichiatra e paziente è importantissima ai fini della risoluzione e remissione dei disturbi.
Non si può pensare di andare avanti esclusivamente aumentando e diminuendo il farmaco..soprattutto se sono già trascorsi 15 anni!
Le consiglio dunque di affidarsi a un medico speciasta in psichiatria che dovrà approcciare in "modo completo" al problema sopra esposto...psicoterapeuticamente e farmacologicamente...aiutandola a comprendere e nel tempo a ridurre i farmaci...perchè l'obbiettivo è la remissione totale dei sintomi, la comprensione e crescita individuale e dunque il superamento dei problemi.

Cordiali Saluti

Dott. Domenico Romeo
medico chirurgo
specialista in psichiatria
psicoterapeuta
Roma

Dott. Domenico Romeo
Casa di cura convenzionata
Specialista attività privata
Specialista in Psichiatria
GUIDONIA MONTECELIO (RM)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra