L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

06/03/2006 16:48:23

Depressione

Volevo saper perche' dopo 3mesi che prendo lo zolof i sintomi di instabilita' e nausea non misono ancora passati.faccio presente che sono sintomi che perdurano da circa 1 anno e prima che mi fosse diagnostica la Depressione ho fatto risonanza magnetica alla testa visita dall'otorino gastroscopia dosaggio ormonale ,avendo 46anni, ecografia addominale perche' molto probabilmente non rientrato nei canoni classici della Depressione e i medici non riuscivano a capire,fino a quando oltre a nausea e instabilita' ho iniziato a provare un profonda tristezza voglia di non far niente e una stanchezza fuori dalla norma.grazie infinitamente per la risposta

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del10/03/2006

Prima di tutto di fronte a sintomi fisici come vertigini e nausea bisogna escludere cause organiche e mi sembra che lei lo abbia già fatto. Da quanto scrive sembra che si tratti di Depressione con sintomi somatici è quindi è stato corretto iniziare una terapia con antidepressivi. Ormai però sono passati 3 mesi e se non c’è stato alcun miglioramento sarò opportuno che lei torni dal suo curante per modificare la terapia (aumento del dosaggio o molto probabilmente passaggio ad altro farmaco).

Cordiali saluti

Dott.ssa Cristiana Cecchi
Specialista attività privata
Specialista in Psichiatria
FIRENZE (FI)


Risposta del10/03/2006

Prima di tutto di fronte a sintomi fisici come vertigini e nausea bisogna escludere cause organiche e mi sembra che lei lo abbia già fatto. Da quanto scrive sembra che si tratti di Depressione con sintomi somatici è quindi è stato corretto iniziare una terapia con antidepressivi. Ormai però sono passati 3 mesi e se non c’è stato alcun miglioramento sarò opportuno che lei torni dal suo curante per modificare la terapia (aumento del dosaggio o molto probabilmente passaggio ad altro farmaco).

Cordiali saluti

Dott.ssa Cristiana Cecchi
Specialista attività privata
Specialista in Psichiatria
FIRENZE (FI)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra