L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Stomaco e intestino

30/01/2016 02:59:17

Diarrea dopo i pasti, pancia gonfia e dura

Salve ho un problema di tipo gastrointestinale da circa febbraio 2015. Dopo aver fatto dei test per allergie ho scoperto di avere un'allergia lieve alle graminacee e un'allergia al nichel. Ho seguito la dieta per eliminare i cibi con nichel e per sospetta Gastrite. Purtroppo la sensazione di gonfiore è peggiorata e si è presentato un nuovo fastidioso sintomo: la dissenteria. In sostanza dopo ogni tipo di pasto devo correre in bagno. Ho perso circa 12 kg perché ho paura di mangiare quando non sono a casa. Infatti quando devo lavorare, siccome lavoro in una gelateria e faccio turni lunghi e da sola, non mangio perché non posso andare in bagno. Ho fatto gli esami del sangue che non hanno dato risultati, gli esami dell'urina evidenziano una perdita di liquidi (urine dense, presenza di muco) inoltre ho eseguito il breath test al lattosio che evidenzia un'intolleranza ad esso, gli esami per la Celiachia dicono che i valori sono inferiori al dosabile per cui il mio medico di base mi ha prescritto quelli specifici. Anche perché risulta che ho l'antiglobulina a molto bassa rispetto al normale ma non mi ha saputo dire il perché ed è questa la mia domanda per lei. Cosa può significare avere l'antiglobulina a bassa? Non so più cosa pensare ormai è un anno e non so ancora cos'ho! Potrebbe essere d'aiuto una gastroscopia??
Ps: Gli esami delle feci sono normali, niente muco o sangue occulto, niente helycobacter. Ecografia addome completo ha evidenziato l intestino meteorico.
Grazie in anticipo.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del03/02/2016

E'possibile che, oltre all'intolleranza al lattosio (che è tra le poche ben documentabili) vi sia anche qualche altra che però va scoperta da soli, con delle diete selezionate. Questa possibile intolleranza può provocare la formazione di aria e quindi il gonfiore. Vi sono, tuttavia, diversi prodotti non farmacologici per ridurre il gonfiore, oltre a fare dei cicli con uno dei moderni probiotici, per mantenere normale la flora batterica intestinale. Per quanto riguarda la necessità di evacuare dopo i pasti, è un disturbo frequente e caratteristico di molti soggetti con il colon irritabile: non è una vera patologia, è solo un'accentuazione di un riflesso normale, che abbiamo tutti. Naturalmente è fastidioso e non permette di mangiare fuori casa, ma a casa sì, e non giustifica la perdita di peso, sempre che non vi sia anche un Malassorbimento delle sostanze alimentari. Questo si può vedere, prima di tutto, con l'esame delle feci.


Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Specialista in Cardiologia
Milano (MI)


Altre risposte di Stomaco e intestino







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra