L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Stomaco e intestino

06/05/2007 00:07:25

Diarrea persistente

Il mio problema è una diarrea cronica che mi porto avanti da anni. E' caratterizzata da feci che la maggior parte delle volte hanno una consistenza molle mentre sporadicamente diventano molto liquide. In genere il tutto è accompagnato da dolori addominali e meteorismo (ovviamente proporzionale al grado di liquidità). Il colore è un giallo intenso e mi sembra ci sia muco ma non sangue. Per quanto riguarda la frequenza invece non c'è nessuna anormalità, nel senso che vado regolare una volta al giorno, tranne quando è molto liquida dove ho qualche scarica nel corso della giornata ma mai più di tre. Onestamente ho notato un forte legame col mio stato emotivo, quindi ho sempre considerato questa cosa come sindrome del colon irritabile, e per questo non ho mai indagato ulteriormente. Ultimamente però mi sembra che sia peggiorata parecchio(paradossalmente da quando ho smesso di fumare), con una frequenza di "fasi liquide" molto più alta. Per completezza di informazione devo dire che non mi sembra di avere altri problemi digestivi, nel senso che non ho mai bruciori di stomaco o nausea, quindi credo che il problema sia solo a livello intestinale.
Mi devo preoccupare o ahimè è colon irritabile e quindi non devo fare altro che tenermela?

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del08/05/2007

Prima di giungere alla diagnodi colon irritabile, alcuni esami sono necessari. Per esempio,quelli relativi a eventuali intolleranze alimentari ( prima fra tutte quella al glutine), e, per completezza, una ettoscopia che escluda trattarsi di una forma infiammatoria, per la quale esistono terapie specifiche. Ma anche il colon irritabile e' curabile, almeno con fibre, che rendano le feci piu' consistenti, e con leggeri antispastici. Forse anche i fermenti lattici di ultima generazione (chiamati probiotici) possono servire.

Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Universitario
Specialista in Cardiologia
Specialista in Gastroenterologia
MILANO (MI)


Altre risposte di Stomaco e intestino







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra