03/03/16  - Dissecazione carotide interna destra - Cuore circolazione e malattie del sangue
L'esperto risponde

Dissecazione carotide interna destra




Domanda del 03 marzo 2016
Buongiorno, mi chiamo Mariangela e ho 45 anni, sono stata dimessa dall'ospedale con diagnosi di dissecazione carotide interna destra, l'esame ai tronchi sovraortici hanno confermato la riduzione di calibro con aspetto a "coda di topo" dell'arteria carotide interna destra, subito dopo la sua porzione bulbare, pseudo aneurisma, sto facendo terapia con coumadin, vorrei sapere se è possibile cambiare terapia con altro anticoagulante meno rischioso perché ho sanguinamenti al naso, alle gengive, alle Emorroidi e dolore allo stomaco e all'intestino, e se l'intervento di endoarterectomia risolverebbe il problema definitivamente, se è rischioso, se è curabile e quanto può durare la cura con anticoagulante? quale anticoagulante sarebbe piu'indicato per la mia patologia e disturbi? ringrazio e porgo cordiali saluti
Risposta del 04 marzo 2016
Mi dispiace, ma un eventuale cambio ti terapia lo può fare solo l' angiologo o il chirurgo vascolare che l' hanno in cura. Anche l' indicazione all' intervento è di loro esclusiva competenza.

Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Specialista in Cardiologia
Milano (MI)

Il profilo di ALBERTO TITTOBELLO
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Altre domande di Cuore circolazione e malattie del sangue



Potrebbe interessarti
Arresto cardiaco: arrivano i droni per salvare le vite
Cuore circolazione e malattie del sangue
26 giugno 2017
Focus
Arresto cardiaco: arrivano i droni per salvare le vite
A 70 anni con arterie da ventenne: difficile ma non impossibile
Cuore circolazione e malattie del sangue
13 giugno 2017
News
A 70 anni con arterie da ventenne: difficile ma non impossibile
Braccialetti per il fitness: servono davvero? Parola all’esperto
Cuore circolazione e malattie del sangue
12 giugno 2017
Interviste
Braccialetti per il fitness: servono davvero? Parola all’esperto