L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

11/03/2005 15:16:10

Disturbo bipolare

Buongiorno, il mio ragazzo è affetto da Disturbo Bipolare e per
la prima volta mi sono trovata a fronteggiare una fase acuta.
Ha iniziato forzatamente la terapia farmacologica, ma nell'alternarsi di umore quotidiano prevale il comportamento disinibito e violento.
Visto che sono la persona a lui più vicina vorrei sapere come mi devo comportare in questo periodo di fase acuta, se assecondarlo o fargli capire che sta sbagliando.
In pratica: se urla e spacca tutto, che fare? Se vuole far l'amore per forza, che fare? Ogni volta che ho provato a calmarlo è stato un disastro. Poi magari sta 2 ore "normale", tenero e affettuoso come sempre, ma basta uno
stimolo contrario (anche un semplice "no", una risposta che lui ritiene sbagliata, o un "come stai" di troppo di un amico), che risuccede il finimondo.
Mi basta solo una indicazione su cosa devo fare io, oltre a cercare di "obbligarlo" a curarsi?. Sono ovviamente molto spaventata, ma ben determinata ad uscire insieme a lui a testa alta da questa situazione.

(ps: in sesso,altezza ecc vi indico i dati del mio ragazzo! i miei credo siano inutili!)

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del18/03/2005

La sua lettera colpisce molto perchè traspare un grande amore, talmente grande da essere disposto a tollerare anche l'intollerabile. Suppongo che il suo ragazzo sia in cura da uno psichiatra. Lei non ha mai vauto colloqui con questo curante? In questi casi il coinvolgimento dei familiari nel processo di cura è molto importante.Credo che lei abbia anche il diritto di sapere le possibilità di miglioramento, o almento di stabilizzazione. Oltre tutto solo chi conosce la storia clinica del suo ragazzo è in grado di concordare con lei strategie adeguate di comportamento.
Vorrei però anche invitarla a tutelare se stessa. A volte, in nome dell'amore, ci si infila in situazioni autodistruttive che per di più non aiutano nemmeno l'altro. Le auguro di trovare serenità e felicità

Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra