L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

08/09/2005 21:40:04

Disturbo del comportamento

Ho una figlia di otto anni, sorda profonda, che in alcune situazioni (quando è sola durante il gioco ma anche a tavola) si immerge in un suo mondo contraendo gli arti e il volto e piegando la testa (emettendo anche un suono gutturale ). A parte l'handicap della sordità non ha problemi intellettivi o di interazione sociale. Quando le si dice di smetterla cessa tali manifestazioni con disappunto (sbuffando ). Il medico neuropsichiatra non ha dato peso a tale descrizione, ma vorrei capire come interpretare questo "disturbo" comportamentale.

Grazie

Giovanni


Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del13/09/2005

Lei si sta ponendo giustamente il problema di come entrare nel mondo "segreto" di sua figlia la quale, a causa della sordità profonda, sta elaborando un suo codice di interpretazione e interazione con la realtà che sfugge ai normo uednti. Lei si sta chiedendo anche quale sia la realtà che anima le sensazioni, emozioni e pensieri di sua figlia perchè, nella deprivazione sensoriale, è inevitabile che si sviluppino altre competenze. Tenga conto che all'età di sua figlia anche i normo udenti si ritirano spesso in un loro mondo, senza che questo acquisti significato patologico. Credo che sia per questa ragione che il neuropsichiatra ha minimizato la cosa. Ho però la sensazione che lei, con grande sensibilità, non si accontenti di sapere se il comportamento è "normale" o "patologico". Vuole sapere cosa accade nel mondo interiore di sua figlia per poterla poi aiutare ad esprimere le proprie potenzialità affettive, intellettive, relazionali. Ha perfettamente ragione! Non so se la bambina sia seguita da qualcuno competente in psicologia dell'età evolutiva in area handicap: sua figlia, come del resto tutti i bambini sordi e non, ha bisogno di trovare il canale espressivo più adeguato ad instaurare un equilibrato rapporto con sè e gli altri.
Credo che una mamma così attenta e sensibile saprà trovare la strada giusta. Auguri di cuore.

Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra