L'esperto risponde

Domanda di: Occhio

08/04/2010 10:18:14

Dolore all'occhio

Salve Dottore, prima di tutto vorrei ringraziarla per il servizio che lei svolge. Le scrivo perchè da un pò di tempo avverto dei dolori all'occhio destro, questo avviene quando porto le lenti a contatto per qualche ora. Ho provato a rimuovere le lenti al primo sentore ma ciò nonostante il dolore aumenta col passare delle ore. Ho provato a prendere del paracetamolo per far passare il dolore ma non serve a nulla. Porto le lenti a contatto da diversi anni e in precedenza non mi hanno dato alcun fastidio. Il tipo di lente che uso è usa e getta giornaliero della Salmoiraghi e Viganò. La ringrazio ancora per la sua disponibilità. Distinti saluti
Claudio

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:

Risposta del12/04/2010

Carissimo Claudio,
intanto dovrei sapere quante ore al giorno lei porta le lenti a contatto (LAC)!!!
Le LAC morbide non possono essere portate per più di sei ore di continuo.
Sono tanti i meccanismi patogenetici che entrano in causa nella patologia oculare in portatori di lenti a contatto.
Potremo comunque riassumerli i sette punti essenziali:
1) inidoneità locale o generale
2) fattori lesivi ambientali
3) applicazione errata
4) manutenzione errata o insufficiente
5) infezioni
6) complicanze allergiche
7) le sindromi da uso eccessivo.
Non dimentichiamio poi la sindome da superindossamento delle lenti a contatto ovvero(OVER WEARING SYNDROME) con possibile insorgenza di SINDROME IPOSSICA CRONICA.
La sindrome ipossica cronica si presenta nelle seguenti condizioni:
a) Uso di LAC protratto nel tempo e per un elevato numero di ore al giorno (porto prolungato).
b) Uso protratto di LAC a porto permanente.
c) Applicazione di LAC morbide e, meno frequentemente, non flessibili, con raggio di base troppo stretto
(LAC strette).
d) Uso di LAC morbide in soggetti con cornee predisposte alla neovascolarizzazione o dove sono già presenti
neovasi.
Il quadro è dominato dalla neovascolarizzazione corneale. L'insorgenza dell'intolleranza è tardiva e subdola.
Clinicamente questa seconda forma non si riscontra mai senza la presenza anche di un certo grado d’edema.
I sintomi soggettivi sono scarsi o del tutto assenti all'inizio. La maggior parte delle forme iniziali è, di fatto, un
rilievo casuale.
Inoltre il perdurare dell'ipossia produce una marcata ipoestesia
I primi sintomi dell'ipossia cronica sono spesso disturbi visivi: diffrazione delle fonti luminose puntiformi ed
aloni luminosi o colorati associati a riduzione lenta e progressiva dell'acuità visiva.
Quindi deve essere fatta una buona biomicroscopia corneale!!!

Un caro saluto
Prof.D.Siravo


a href="/Duilio_Siravo?esp=12942" Dott. Duilio Siravo /a
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Oftalmologia
Pisa (PI)




Altre risposte di Occhio


© RIPRODUZIONE RISERVATA