05/04/13  - Dolore alla schiena, altezza polmone destro - Scheletro e Articolazioni

Dolore alla schiena, altezza polmone destro




Domanda del 05 aprile 2013

Domanda


Ho un dolore localizzato sulla schiena all'altezza del polmone destro (dove da ragazzina ho avuto due polmoniti e mio papà e morto di tumore al polmone) che già a volte mi compare ma diventa particolarmente intollerabile quando, come in questi giorni, sono molto raffreddata. Questo dolore si intensifica appena comincio ad avere un mal di gola o raffreddore e mi domando se sia necessaria una lastra toracica (già fatta un paio di anni fa). E' un dolore che stando sdraiata si attenua (anche se non sparisce) mentre stando seduta in ufficio è davvero insopportabile.
Visti i disturbi ricorrenti e particolarmente accentuati di questi giorni vorrei andare a fondo della questione. Premetto che da una radiografia tempo fa ho saputo di avere cifosi e scoliosi con spesso mal di testa (credo sia cervicale) che però non so se sia legato al dolore di questi giorni.
Settimana prossima mi farò visitare ma nel frattempo meglio prendere o evitare farmaci? Vorrei sapere se siano solo antidolorifici o invece curativi perchè altrimenti aspetto lunedì per assumerli prima di andare in ufficio (io in casa ho aspirina, tachipirina, Synflex, Voltaren gel ma naturalmente posso comprare un farmaco più adatto se me lo suggerisce)
La ringrazio infinitamente per una cordiale e urgente risposta
La domanda è in attesa di risposta.
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Altre domande di Scheletro e Articolazioni



Potrebbe interessarti
Mal di schiena e dolore cervicale: come riconoscerli, gestirli ed evitarli
Scheletro e articolazioni
25 settembre 2017
Interviste
Mal di schiena e dolore cervicale: come riconoscerli, gestirli ed evitarli
Troppa Tv mette a rischio la mobilità
Scheletro e articolazioni
12 settembre 2017
News
Troppa Tv mette a rischio la mobilità
Sì allo yoga, ma con attenzione ai dolori vecchi e nuovi
Scheletro e articolazioni
06 settembre 2017
News
Sì allo yoga, ma con attenzione ai dolori vecchi e nuovi