L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

12/04/2005 16:19:31

Dolore alle gambe

Buongiorno Dottore,

ho 27 anni e volevo sottoporLe il mio problema: ho sempre sofferto di ritenzione idrica accompagnata da gonfiori a mani, gambe e piedi soprattutto nel periodo estivo, ma ho ovviato a questo fastidio imparando a bere molto durante la giornata.
Tenga presente che il fatto di assumere la pillola (ormai da 10 anni, sempre la minulet) inizialmente poteva aver influito, ma poi mi sembrava di essermi regolarizzata.
Purtroppo dal mese di dicembre, in concomitanza con l’assunzione di un antidepressivo (Remeron), sono iniziati i “veri problemi”: sensazione di dolore alle gambe, soprattutto alle cosce, come di irrigidimento del muscolo. Pratico un’attività fisica leggera, andando in palestra 2 o 3 volte la settimana e facendo 30 minuti di tapis-roulant (camminata a passo sostenuto) e corso di tonificazione per gambe, addominali e glutei. Inizialmente pensavo fosse una produzione eccessiva di acido lattico, ma anche interrompendo l’attività fisica, il disturbo era sempre presente. Ho come la sensazione che mi scorra della “lava bollente” nelle vene, ma all’apparenza non sono né gonfie né riscontro edemi o vene visibilmente ingrossate. Ho provato ad utilizzare una crema specifica (Esseven gel) ma non mi sembra di trarre beneficio.
Cosa devo fare? Il medico che mi ha prescritto il farmaco dice che uno degli effetti indesiderati è l’aumento di peso (avvenuto di 3 Kg, ma comunque nella norma – sono altra 1.62 e peso Kg 52.8).
Attendo una Sua risposta.
Grazie!
Giorgia



Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del15/04/2005

Buongiorno a Lei,
non è semplice darLe qui un parere poichè potrebbero esserci molti fattori concomitanti al Suo disturbo. Essenzialmente Lei avverte delle parestesie cioè una alterazione della sensibilità che è un sintomo neurologco da indagare.
Sarà opportuno sottoporsi a un esame NMR della colonna vertebrale in tutti e tre i distretti (cervicale,dorsale e lombosacrale) e, ovviamente, consultare un neurologo.
Mi faccia sapere
Cordialità

Dott. Giovanni Migliaccio
Medico Ospedaliero
Specialista in Neurochirurgia
MILANO (MI)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra