L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

15/09/2005 15:45:08

DOMANDA PER IL DOTT.MIGLIACCIO/CORDOMA

FACCIO SEGUITO ALLA SUA RISPOSTA ALLA MIA PRECEDENTE DOMANDA DEL 06/09 U. S.:
IL CORDOMA DEL CLIVUS DI 2 CM è STATO DIAGNOSTICATO A SEGUITO DI PARESI DEL VI° NERVO CRANICO SX CON DIPLOPIA E SCARSA VISIONE (VISTA ANNEBBIATA)
ORA, DOPO LA DIAGNOSI INIZIALE, LA SITUAZIONE SI EVOLVE CON: PTOSI PALPEBRALE (CHIUSURA TOTALE DELL'OCCHIO IN TRE GIORNI) E LIEVE RISPOSTA POSITIVA ALLA TERAPIA CORTISONICA DOPO 4 GG. DI TRATTAMENTO,
RMN DI CONTROLLO (ESESGUITA A 3 SETTIMANE DI DISTANZA DALLA PRIMA) DALLA QUALE RISULTA QUASI RADDOOPIATA L'ESTENSIONE DELLA LESIONE, SENZA OSTEOLISI NE'LESIONI CORTICALI, NEL FRATTEMPO MIO PADRE STA BENE, OLTRE ALL'OCCHIO CHIUSO NON PRESENTA ALTRI DISAGI. IL NEUROLOGO PRODENDE PER UNA INFIAMMAZIONE IMPORTANTE DEI NERVI, IL NEUROCHIRURGO
CONSIGLIA TERAPIA ANTIBIOTICA, E IN CASO DI SCARSO RISULTATO "VISTO L'ACCRESCIMENTO RAPIDO, POTREBBE NON ESSERE NULLA DI BUONO" PER FAVORE MI DIA UNA INDICAZIONE SE PUO ', NON SO PIU'COSA PENSARE. GRAZIE INFINITE.



Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del19/09/2005

Egr.signore,
come sempre non è facile se non impossibile sia fare diagnosi che, peggio, dare consigli perentori a distanza con notizie imprecise e, soprattutto, senza visitare il paziente e senza visionare i dati clinico-strumentali.
Dalla Sua ulteriore lettera non riesco, per es., a capire cosa ha consigliato il collega neurochirurgo ( mi sembra poco probabile che un tumore possa ridursi o regredire con la terapia antibiotica).
Se Suo padre sta bene, a parte il disagio della ptosi, io consiglierei (MA PRENDA CON LE PINZE LA MIA AFFERMAZIONE) un atteggiamento di attesa, con controllo clinico e NMR almeno ogni due mesi, se l'indicazione chirurgica viene data ad alto rischio. Se invece il rischio di non operare viene giudicato più alto del rischio operatorio perchè il cordoma è ad accrescimento più rapido di quanto ci si attenderebbe, allora sarà bene che Suo padre si sottoponga all'intervento.
Mi faccia sapere e molti auguri

Dott. Giovanni Migliaccio
Medico Ospedaliero
Specialista in Neurochirurgia
MILANO (MI)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra