L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Occhio

21/04/2008 18:03:27

Domanda

Mio cognato ha subito un violento colpo all'occhio, inizialmente sembrava che fosse esploso il bulbo oculare, a distanza di una settimana però la risposta dei medici è che il se in circa 10 giorni il sangue o ematoma dentro l'occhio viene riassorbito nella stessa quantità in cui si è riassorbito in questa settimana forse l'occhio si può salvare.
Partendo dal presupposto che lui ha 25 anni le mie domande sono queste: E' possibile che l'occhio si salvi ? e la vista potrà tornare? grazie

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del24/04/2008

Carissimo,
ovviamente dovrei avere più dati strumentali a disposizione per rispondere alla sua domanda!
Verosimilmente siamo in presenza di un EMOVITREO POSTRAUMATICO.Bisogna vedere l'etiopatogenesi di questo emovitreo,ovvero essenzialmente se sotto c'è o no un distacco di retina.L'esame che sicuramente avete fatto è l'ECOGRAFIA OCULARE.Magari mi faccia sapere l'esito.
L’Emovitreo è il risultato di una emorragia che riempie la camera posteriore dell’occhio normalmente occupata dal corpo vitreo. Tale emorragia può originare dalla rottura di un vaso retinico in corso di un distacco di vitreo con conseguente lacerazione retinica o dalla rottura spontanea di vasi neoformati in occasione di retinopatie di tipo ischemico quali la retinopatia diabetica proliferante o esiti di una occlusione venosa retinica. Altre cause possono essere traumi, rotture di macroaneurismi o degenerazione maculare senile di tipo emorragico.

Il sintomo è un calo repentino del visus con sensazione di nebbia che cresce velocemente fino al completo oscuramento della visuale (che comunque rimane luminosa contrariamente al distacco della retina) Il primo approccio, nell’impossibilità di una visualizzazione diretta del piano retinico, prevede una ecografia oculare che escluda la concomitante presenza di un distacco di retina ed una ragionevole attesa di qualche settimana (da 2 a 8 ) per uno spontaneo riassorbimento. Al persistere del quadro si pone l’indicazione assoluta al trattamento chirurgico con vitrectomia.


Un caro saluto.
siravo@supereva.it
http://siravoduilio.beepworld.it



Dott. Duilio Siravo
Specialista attività privata
Specialista in Oftalmologia
PISA (PI)


Altre risposte di Occhio







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra