L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

09/04/2008 16:10:21

Dottore mi aiuti: EFEXOR

Salve dottore,
vorrei avere un aiuto per riuscire a smettere diprendere l'efexor.
Ho sofferto di crisi di panico e ansia e dopo svariate cure ora è da circa un anno che prendo efexor regolarmente.
Sono riuscita, da sola, ad abbassare la "dose giornaliera" e da una compressa di 75mg RP sono passata a una da 37,5.
Il problema è che vorrei smettere del tutto, sia perchè mi sento decisamnete meglio, sia perchè vorrei nel futuro prossimo un figlio. Ora prendo solo mezza compressa al dì, di quelle da 37,5, e dato che quest'ultimo è il dosaggio più basso, vorrei toglierla del tutto. Provando succede che nel giorno in cui non la prendo soffro di un emicrania fortissima, di dolori ai denti e conseguente senso di stanchezza e di "essere con la testa fra le nuvole". Credo di nn aver interrotto in maniera brusca, perchè per ogni passaggio ci sono stat sopra 6 mesi o forse più. Ora ho paura di nn riuscira a smetterla perchè il dolore alla testa è insopportabile e nn passa neanche con aulin moment etc.
Sto iniziando a pensare che le voci che sento in giro (una volta che inizi non ne esci più), siano fondate.
Può, gentilmente, darmi qualche consiglio per poter finalmente cercare di non essere più schiava di questo farmaco? Per me è veramente importante. Grazie mille
Saluti

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del14/04/2008

Solitamente le cure con antidepressive vanno associate a psicoterapia, in modo da modificare non solo gli aspetti bioligici del problema, ma anche quelli relazionali. Il farmaco infati agisce sulle strutture biologiche, la psicoterapia conduce ad una modifcazione dei comportamenti relazionali ed è alla fine il trattamento ch dà risultati più duraturi. Se vuole affrontare una gravidanza è bene che sospenda il farmaco e quidni valuti lei come procedere. Veda se nella zona in cui abita la sua asl offre servizio di psicoterapia. Oppure si informi su uno psicoterapeuta.

Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra