L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

20/10/2006 02:10:07

Eccessiva emotività e pesantezza cardiaca

Salve, sono un ragazzo d 23 anni e mi sto rendendo conto d avere alcuni disturbi ke ritengo possano essere considerati manifestazione d fobia sociale(nn riuscire a bere in determinate situazioni dinanzi ad altre persone, contrazioni muscolari al collo ke nn mi permettono d controlarne il libero movimento quando mi trovo ad esempio ad effettuare visite medike , tensione quando mi trovo a relazionarmi con determinate ragazze).Oltre a ciò mi capitano spesso altre situazioni ke non riesco a defnire.ad esempio giusto poco tempo fa con degli amici sono andato al cinema...ho avuto un aumento progressivo del battito cardiaco con relativa pesantezza fino ad avere addirittura una leggera nausea.dopo un'oretta xò c è stato un progressivo rilassamento.una simile situazione mi è capitata durante l estate prima d imbarcarmi su un aereo..qui xò la nausea era molto forte.sentivo la necessità d rimettere con conseguente aumento del battito cardiaco e relativa pesantezza.forse in questo caso xò oltra all agitazione vi era anke un problema d stomaco visto ke una pasticca contro il mal d mare ha attenuato il fastidio.non so.cmq sia questi disturbi sono abbastanza frequenti.ora mi kiedo: questo improvviso aumento d velocità e d pesantezza del battito cardiaco d cui soffro talvolta anke quando sono da solo può essere collegato al mio problema relativo ad un'eccessiva emotività?tra l altro ho effettuato elettrocardiogramma ed ecocardiogramma risultati negativi.il dottore si è reso conto della mia agitazione ma si è rifiutato d prescrivermi farmaci al riguardo proprio x la mia giovane età.mi ha consigliato d eseguire tecnike d rilassamento.a tal proposito sapete consigliarmi se c è a roma un centro specializzato in fobia sociale?pensate ke sia necessaria anke una visita neurologica(nn capisco xkè,come già detto, in determinate situazioni sociali mi si contraggono talmente i muscoli del collo da nn saperne gestire i movimenti)? spero rispondiate il + presto possibile a queste mie domande.Vi ringrazio anticipatamente

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del23/10/2006

Bisognerebbe innanzi tutto capire se si tratta di fobia sociale, di claustrofobia, o di attacchi di panico.
Hanno sintomio molto simili, ma si differenziano per alcuni fattori ed anche la terapia può cambiare.
Sul fatto di non prendere farmaci non sono d'accordo.
Nelle manifestazioni d' Ansia vi è sempre una componente "fisica" e non vedo perchè non assumere farmaci se questi aiutano a stare meglio.
Forse il medico voleva dire che alla sua giovane età sarebbe meglio rimuovere le cauise profonde(psichiche) del sintomo, anizichè affidarsi solo al farmaco che le lascia inalterate.
Anch'io preferisco consigliare la psicoterapia, soprattutto ai giovani, ma non escludo l'uso di farmaci ben dosati almeno all'inizio.
Le tecniche di rilassamento sono sicuramente utili, ma anch'esse agiscono solo sul sintomo e non rimuovono le cause del disturbo.

Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra