L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Cuore

26/09/2005 19:39:12

Ecografia T.S.A

Buongiorno, avrei un quesito da porvi:
A mio padre (anni 61) ha avuto un giramento di testa e improvvisamente ha comunicato di non aver più visto dall'occhio dx. Andato dal medico di famiglia, gli ha preventivato una possibile placca dell'aorta che ha interrotto il flusso sanguineo al cervello con possibilità di ictus. Gli ha prescritto un dopler vasi aortici e un ecografia TSA.
Di cosa si tratta esattamente? Quali sono i rischi? Che tipo di cause future porta ed è curabile questa (possibile) disfunzione?
Grazie per la gentile informazione.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del06/10/2005

L'ECOCOLORDOPPLER DEI TRONCHI SOVRAORTICI (T.S.A.), in particolare carotidi e vertebrali, è un esame che si effettua di routine nei pazienti che hanno un quadro clinico comprendente, Ipertensione , ipercolesterolemia, ipertrigliceridemia o che siano già affetti da malattie come il Diabete , Angina ecc. L'esame di fatto consiste in una ecografia (quindi un esame non invasivo) mediante una sonda che rileva sia la presenza di placche aterosclerotiche sia alterazioni della velocità del flusso sanguigno (Doppler). Nell'esecuzione di questo esame non c'è alcun rischio. La presenza di placche carotidee può causare, a seconda della sua forma, al contenuto della placca ed al restringimento che può causare (stenosi) a vari sintomi e patologie: tra i sintomi ci sono ad esempio le vertigini (anche se possono essere causate da altre patologie) l'amaurosis fugax (la cecità temporanea che viene riferita dal figlio del paziente) e tra le patologie il TIA e lo Stroke (ictus).
Quindi se la placca non determina una stenosi grave (superiore al 70%) senza sintomi ed al 60% con sintomi, è necessario controllare periodicamente le carotidi e le vertebrali. Nel caso in cui la stenosi supera le suddette percentuali è necessario intervenire mediante la rimozione chirurgica della placca (endoarterectomia) o rimodellando l'interno della carotide stessa con uno stent (piccola retina circonferenziale che schiaccia la placca riportando il flusso alla normalità). La scelta di queste 2 metodiche dipende da varie combinazioni di fattori che il chirurgo vascolare valuta al momento in cui effettua la visita e/o l'ecocolordoppler.
Auguri

Dott. Domenico Benevento
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Chirurgia vascolare, angiologia
Specialista in Psicologia
SIENA (SI)


Altre risposte di Cuore







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra