L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Salute maschile

28/07/2006 19:12:55

Ectasia calico-pielica.

Desideravo sapere le procedure di routine che solitamente si effettuano per questa casi:
rilevata in gravidanza ectasia calico-pileica a carico del rene fetale di destra (diametro antero-posteriore mm9) verosimilmente con significato funzionale da ricontrollare dopo la nascita, da ecografia del 10.5.2006;
nascita del bimbo il 24.6.2006;
ecografia del 3.7.2006, si evidenzia a carico dei reni bilateralmente lieve ectasia mm10-13 sede ecostruttura nella norma. vescica normodistesa con ecostruttura normale;
13.7.2006, esame delle urine completo e urinocultura (tutto negativo);
ecografia più dettagliata del 24.7.2006, reni in sede anatomica lievemente asimmetrici (dl rene destro cm. 5,8 sinistro cm.5). Ko spessore e l'ecogenicità parenchimali appaiono normali bilaterlamente. All'odierno controllo non si evidenziano segni di calicopielectasia renale sinistra. Il rene destro mostra ectasia del sistema pielocaliceale (il diam. a.p. della pelvi renale è di circa 1 cm). La vescia è non è repleta.
Dopo controllo urologico san camillo di roma è stata richiesta una cum- cistografia che efffettuerà a breve.
Quali sono le procedure che vengono effettuate, in caso di migliormaneto o peggiormanento dopo quest'ultimo esame?
Spero non sia necessario l'intervento chirurgico (è particolarmente rischioso?).
Nel ringraziarVi, porgo distinti saluti.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del31/07/2006

Caro Signore ,
in questi casi è necessaria una attenta monitorizzazione da parte dell'urologo che sta seguendo suo figlio. Molto probabilmente si tratta di una stenosi (restringimento) congenita del giunto pielo-ureterale del rene destro ma è difficile dalle poche informazioni che ci fornisce dirle di più. Se questo è il problema ,in alcuni casi, se la dilatazione permane o aumenta o subentrano altri problemi (infiammazioni, ecc, ecc) può essere indicata anche una correzione chirurgica. Segua attentamente tutto quello che le dirà l'urologo a cui vi siete rivolti.
Auguri ed un cordiale saluto.

Dott. Giovanni Beretta
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
Specialista in Andrologia
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Specialista in Urologia
MILANO (MI)


Altre risposte di Salute maschile







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra