L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

07/05/2005 18:00:57

Edema preauricolare

Le scrivo a nome di mia madre (58 anni) che da due giorni accusa un rigonfiamento nella zona preauricolare sinistra, inizialmente doloroso, ora meno.
Inizialmente si era pensato ad una puntura d'insetto (poichè il gonfiore si era manifestato dopo una breve escursione in bici all'aperto), ma il trattamento con crema contenente cortisone non ha sortito effetto alcuno.
Sono molto preoccupata, perchè temo qualcosa di serio.
Il medico di base ci ha consigliato la crema cortisonica e di vedere il decorso dell'edema.
Si è manifestato in questo modo: poggiando la mano all'altezza dello zigomo, mia madre ha accusato la presenza di quella che ha definito una "pallina" dolorosa che nel giro di poche ore ha creato il gonfiore diffuso nella zona preauricolare all'altezza dello zigomo. Inizialmente mia madre sosteneva di avere qualche difficoltà ad aprire completamente la bocca.
Sono spaventata perchè mamma assume un farmaco anticancro (Nolvadex), dopo aver subito l'asportazione di un carcinoma mammario e so che quel farmaco ha parecchie controindicazioni....
Non so, spero possiate confortarmi in qualche modo. O in goni caso mi possiate dare qualche indicazione su chi consultare.
Vi ringrazio sentitamente.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del11/05/2005

fai fare immediatamente una ortopantomografia per escludere patologie dentarie ed altro essendo il trisma (difficoltà ad aprire la bocca) tipico di patologie degli ottavi inferiori.

Dott. Gianpiero D'Ercole
Odontoiatra
SCAFA (PE)


Risposta del12/05/2005

penso possa semplicemente trattarsi di riacuttizzarsi episodico di una forma Artrosi ca datata, all'articolazione temporo-mandibolare. occorrerebbe una visita specialistica osservare lo stato occlusale ed in generale della masticazione ed analizzare bene i sintomi, poi fare una ortopanoramica digitale e solo in seguito se necessario un'analisi approfondita delle due artcolazioni temporo-mandibolari,

La terapia verrà solo dopo la diagnosi, tranne quella di urgenza, naturalmente.

Dott. alessandro romano
Specialista attività privata
Specialista in Chirurgia maxillo facciale
Specialista in Odontoiatria
ROMA (RM)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra