L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Occhio

01/07/2008 09:37:39

Edema

Affetto da retinopatia diabetico con edma os tenuto sempre sotto controllo a causa di scompensi glicemici l'edema ha causato una notevole riduzione del visum il professionista che mi segue ha detto di aspettare qualche mese cercando di ottenere un buon equuilibrio glicemico per fare succesivamente un oct per valutare il da farsi la domanda che le pongo è la seguente
nel caso di una ottimizzazione glicemica l'edema potrebbe rientrare o è necessario eseguire l'iniezione ?
in attesa di un gradito riscontro porgo cordiali e distinti saluti

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del03/07/2008

Gentile paziente,
"l'iniezione non è la sola soluzione per l'edema maculare diabetico, ma solo la più recente.
Ci sono altre terapie, quali il trattamento laser e la chirurgia che devono essere attentamente vagliate.
Con l'OCT il suo Oculista vuole appunto capire la esatta causa dell'edema per scegliere la terapia più indicata.
Purtroppo difficilmente l'edema maculare diabetico regredisce spontaneamente, ma con le diverse soluzioni terapeutiche si riesce spesso ad ottenere un miglioramento ed una stabilizzazione della vista.
Cordiali saluti

Dott. Federico Friede
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Oftalmologia
FELTRE (BL)


Risposta del04/07/2008

Carissimo,
L'edema maculare è il risultato finale di una serie di eventi patologici associati ad un ampio spettro di cause.
L'edema maculare diabetico si osserva in entrambe le forme di Diabete (tipo I e II) e costituisce la causa più comune di perdita della funzione visiva nei pazienti diabetici. L'edema maculare diabetico viene solitamente classificato in due sottotipi: focale e diffuso. L'edema maculare focale consiste in aree localizzate di ispessimento retinico collegate alla alterata permeabilità di singoli microaneurismi, capillari retinici dilatati e anomalie microvascolari intraretiniche da cui fuoriesce fluido. Spesso queste aree di ispessimento retinico sono circondate e delimitate da essudati lipidici. La fluorangiografia è spesso utilizzata per dimostrarne la presenza delle anomalie microvascolari e la loro anomala permeabilità. L'edema macular diffuso è caratterizzato da una fuoriuscita generalizzata di fluido dai capillari retinici dilatati su gran parte del polo posteriore. Si associa spesso l'occlusione di una considerevole porzione del letto capillare. L'edema maculare diffuso è di solito simmetrico nei due occhi e non si accompagna ad una significativa essudazione lipidica. L'edema maculare diffuso è associato a diversi fattori di rischio sistemici e oculari quali: malattie renali e cardiovascolari, Ipertensione sistemica grave, Diabete di tipo II, numero crescente di microaneurismi, retinopatia avanzata e trazione vitreomaculare. La percentuale di occhi con edema maculare è del 3% nei casi con retinopatia non proliferante di grado lieve, del 38% nei casi con retinopatia non proliferante di grado moderato-severo, del 71% nei casi con retinopatia proliferante. L'edema maculare insorge più precocemente nei pazienti con Diabete di tipo II. Tra i pazienti con Diabete di tipo I è inusuale l’insorgenza di edema maculare prima degli 8 anni di durata del Diabete .
L'edema maculare diabetico può migliorare dopo un trattamento laser focale o a griglia. La maggior parte degli autori è d'accordo nel confermare che l'effetto migliore del trattamento laser si ottiene in presenza di un leakage localizzato (edema focale). Nel caso in cui si debba procedere con la fotocoagulazione panretinica per una retinopatia proliferante, questa dovrebbe essere iniziata dopo il trattamento dell'eventuale edema L'iniezione intravitreale di triamcinolone acetonide (IVT) è stata usata di recente da sola o in unione al trattamento fotocoagulativo per l'edema maculare diabetico.maculare associato per eviterne un ulteriore peggioramento.
Si ritiene che gli edemi maculari diabetici che non rispondono al trattamento laser possano essere conseguenza non solo di un disturbo del microcircolo ma soprattutto di una trazione meccanica che il vitreo eserciterebbe sulla retina maculare. Diversi studi clinici sembrano suggerire che la vitrectomia potrebbe avere un effetto benefico in questo edema maculare diabetico di tipo trazionale. L'OCT è l'esame più importante per riconoscere queste forme.


Un caro saluto.
siravo@supereva.it
http://drsiravoduilio.beepworld.it


Dott. Duilio Siravo
Specialista attività privata
Specialista in Oftalmologia
PISA (PI)


Altre risposte di Occhio







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra