L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Salute maschile

29/10/2005 12:12:13

Eiaculazione precoce

Carissimo dottore,
sono un ragazzo di 25 anni e scrivo dalla campania, noto da tempo di avere problemi di eiaculazione precoce, a volte non riesco proprio a trattenermi, avviene anche prima di avere il rapporto. Decido di fare visita da un urologo presso Asl di competenza, mi prescrive degli esami tipo testosterone,prollatina e fsh condicendo di eseguire una successiva visita da un andrologo. Faccio gli esami prescritti e faccio visita da un andrologo sempre presso Asl di competenza. Non nascondo che per me era gia imbarazzante, entro in ambulatorio spiego il problema, il medico controlla gli esami, e mi dice quanto segue:
Senza neanche essere visitato preciso, sei giovane non hai nessun problema e solo una cosa psicologica, mi chiede sei fidanzato, e ora no sono single da cira 4 mesi, non hai nulla stai tranquillo.
Ora non credo che essere fidanzato implica qualcosa, in quanto nei rapporti occassionali noto che il problema persiste, inoltre ho notato che nel liquido seminale a volte escono piccoli pezzi trasparenti e gelatinosi, non so se è normale.
Vi prego cosa mi consiglia di fare?
Oltre una ulteriore visita esistono in farmacia prodotti che possono in qualche modo tamponare il problema.
Ho sentito parlare di pomate tipo Emla o Luan. Ci sono controindicazioni e come vanno usate.
Cordiali Saluti.
Paolo

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del02/11/2005

Potrebbe essere utile in questi casi anche una valutazione colturale completa del liquido seminale e una ecografia delle vie seminali. Detto questo ,è importante ricordare che spesso questo problema ha una forte componente psicologica e comportamentale e che in alcuni casi questa viene superata quando si inizia una relazione di coppia più stabile. Comunque, con gli esami sopra accennati , riconsulti un andrologo. Cordiali saluti.

Dott. Giovanni Beretta
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
Specialista in Andrologia
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Specialista in Urologia
MILANO (MI)


Altre risposte di Salute maschile







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra