L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

16/02/2008 10:08:18

Emorragie cerebrali "sine materia"

11 anni fa, dopo aver fatto un microclisma di glicerina, seduto sul WC, ho avuto dei dolori lancinanti alla zona occipitale che si sono attenuati dopo un paio d'ore. Il giorno dopo sono ricomparsi durante un rapporto sessuale.
Non ho dato peso alla cosa pensando a problemi muscolari.
Dopo sette anni - cioè 4 anni or sono - stessa identica situazione. Microclisma, dolori e secondo evento dopo due giorni. Questa voltà però mi si altera il campo visivo. vengo ricoverato di urgenza per emorragia cerebrale subaracnoidea.
Dopo alcuni mesi di terapie e tutte le analisi (tac, risonanze, sonde, ecc.) mi viene detto che non vi è una causa apparente (SINE MATERIA).
Di fare la mia vita e di... evitare i microclismi :)
Sono passati quattro anni ed io continuo a chiedermi da cosa siano dipesi questi due eventi, ma soprattutto se sono a rischio per ulteriori episodi.
Può essere un problema legato alle caratteristiche del sangue? Cosa mi suggerite? Dimenticare tutto o cercare di approfondire? Consultare il Dottor House? :)
Grazie.
Renato

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del19/02/2008

Come lei giustamente afferma, l'emorragia sine materia è un'emorragia senza causa apparente. Il che non significa che non vi sia una causa, ma semplicemente che i mezzi diagnostici a disposizione ed utilizzati non sono in grado di mostrarla. Immagino che lei sia stato sottoposto ad angiografia digitale cerebrale. Questa dovrebbe essere completa, cioè includere sia il circolo cerebrale anteriore (carotidi interne) che il posteriore (tutte e due le vertebrali), come pure le due carotidi esterne. Se detto esame è negativo, è bene comunque ripeterlo a distanza di qualche tempo. Sono sicuro che lei avrà già fatto tutto ciò. In questo caso dovrebbe poter stare tranquillo. Tenga comunque presente che le tecnologie diagnostiche di 11 anni fa non sono del tutto uguali a quelle di oggi.

Dott. Giuseppe Talamonti
Medico Ospedaliero
Specialista in Neurochirurgia
MILANO (MI)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra