L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

03/06/2004 11:32:14

Emorroidi

Gent.mo dott., sono a chiederLe un parere:
è da circa un mese che ho un'infiammazione alle emorroidi.
ho iniziato una prima volta la cura con "DAFLON 500" due pillole al giorno e applicazioni di "PROCTOSEDYL", e in un primo momento sembrava tutto rientrato. Sono passati pochi gg e di nuovo il problema è ricomparso. A questo punto ho ripreso la cura: primi 4 gg daflon 500 - 3+3 pillole prima dei pasti principali, e da oggi per i prossimi 3 gg dovrei passare a 2+2 ai pasti principali. Seguono applicazioni con crema. Ho anche del rossore circoscritto ai due lati dell'ano e le emorroidi paiono "sgonfiate". Dal momento che permane il bruciore e il rossore mi consiglia una visita da un proctologo? attendo con ansia una sua risposta, potrei avere qualcosa di GRAVE?grazie! e buon lavoro a tutti


Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del07/06/2004

la terapia praticata mi sembra corretta per una crisi emorroidaria e il fatto che queste sembrino ridotte di dimensioni dovrebbe essere la conferma. Sarebbe corretto che lei si sottoponesse a visita presso il suo medico di famiglia, ma la sua descrizione mi fa pensare ad una Micosi perianale (forse peggiorata dall'uso della crema che contiene un cortisonico); in questo caso sarebbe utile sostituirla con un antimicotico, eventualmente assunto anche per via orale. Nel caso invece di perdite di sangue la visita proctologica sarebbe utile per una diagnosi differenziale con altre patologie (ragadi o fistole). In ogni caso non si preoccupi, non è una cosa grave. Auguri.

Dott. Carla Dominici
Medicina generale convenz.


Risposta del08/06/2004

Una visita dal proctologo è sicuramente necessaria.
La patologia emorroidaria è in genere una situazione benigna, legata ad una situazione di Stitichezza cronica.
Se il trattamento medico non è stato risolutore è sempre necessaria una valutazione chirurgica poichè la risoluzione chirurgica quando indicata è semplice e veloce. Fondamentale è sempre comunque eseguire l'esplorazione rettale o in caso di altri sintomi colici una colonscopia, poichè è possibile l'associazione delle Emorroidi con altre patologie del colon.

Dott. Mario Dambrosio
Specialista attività privata


Risposta del08/06/2004

SI, CONSIGLIO UNA VISITA SPECIALISTICA, MA PENSO CHE SI POSSA ESCLUDERE UNA PATOLOGIA GRAVE, TUTTAVIA E' NECESSORIO UN ESAME ENDOSCOPICO PER ESSERE SICURI. LA TERAPIA DELLE Emorroidi E' BASATA SU NORME IGIENICO DIETETICHE, SI AVVALE DI TERAPIA MEDICA CONSISTENTE IN FARMACI VASOATTIVI, ANTINFIAMMATORI ED ANTIDOLORIFICI PER LE COMPLICANZE FLOGISTICHE. LA TERAPIA CHIRURGICA E' COSTITUITA DA TECNICHE TRADIZIONALI E DALLA PIU' MODERNA OPERAZIONE DI LONGO CHE SI AVVALE DI UNA SUTURATRICE AUTOMATICA. ESISTONO ANCHE VARIE TECNICHE AMBULATORIALI DI CUI LA PIU' SEMPLICE E SICURA E' LA LEGATURA ELASTICA.

Prof. Angelo Pezzullo
Universitario
NAPOLI (NA)


Risposta del10/06/2004

Gentile signora,
mi permetto di consigliarle, accanto a una accurata valutazione della situazione -- come già le è stato suggerito -- di prendere in considerazione l'idea di perdere una decina di chili di peso e di aumentare l'attività fisica. Questi due accorgimenti potrebbero evitarle interventi più invasivi, permettendo alla suo circolo venoso di non essere sovraccaricato e di riprendere una funzionalità più "vitale".
Con cordialità.

Dott.ssa Giulia Maria D'Ambrosio
Specialista attività privata
MILANO (MI)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra