L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Cuore

02/05/2007 13:22:04

Emorroidi

Ho 49 anni e soffro da tanti anni di discopatia a livello lombare, (già operato nell’anno 94/95 due volte di ernia discale L4 L5- L5 S1), di artrosi deformante a livello cervicale, di condromalacia al ginocchio dx , di lieve polineuropatia assonale riscontrata da una elettromiografia agli arti inferiori eseguita circa 1 anno fa e di colite indeterminata.
Nel 2003 sono stato operato di emorroidi al 4° stadio con prolasso, il chirurgo che ha eseguito l’intervento mi ha riferito di aver utilizzato per l’intervento il metodo di Longo che per me non è stato assolutamente nè poco invasivo nè tanto meno poco doloroso. Infatti,subito dopo la prima sofferta evacuazione, ho sempre e continuo ad avere a tutto oggi ( soprattutto in posizione da seduto) problemi simili a parestesie: avverto sia ai glutei sia agli arti inferiori la sensazione di essere punto da qualcosa come se indossassi un pantalone di lana che a contatto della pelle provoca simili fastidi. Ciò persiste per lunghi periodi, alternati comunque da altrettanti periodi di benessere senza però aver seguito alcuna terapia farmacologica. Per capire l’origine di questo mio disturbo due anni fa ho consultato il dermatologo e il proctologo e ho eseguito anche le seguenti indagini strumentali: colonscopia con esito “plesso emorroidario congesto”e manometria rettale con con esito negativo.
Attualmente essendosi ripresentato ancora una volta questo disturbo ho riconsultato il chirurgo che mi ha operato e dopo una visita mi ha riscontrato una ragade, trattata adeguatamente, ma le “parestesie” rimangono!
Le chiedo ora il suo parere: crede che ciò sia da ricollegare all’intervento e quindi da un problema anale oppure ad un fattore neurologico? Mi potrebbe suggerire eventual

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del07/05/2007

Caro utente
Dalla descrizione della sintomatologia ,penso che i suoi problemi non siano da imputare a patologie anorettali.Probabilmente sono legati a compressione ed irritazione di terminazioni nervose a livello del tratto lombosacrale.

Dott. Giuseppe D'Oriano
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Chirurgia generale
NAPOLI (NA)


Altre risposte di Cuore







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra