L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

10/04/2008 16:25:46

EMOTIVITA' ECCESSIVA

Gentile Dottore,
sono una donna di 34 anni e le scrivo perchè vorrei sapere se esiste un modo per "curare" una eccessiva emotività che mi preclude qualunque possibilità di portare avanti un discorso che mi sta a cuore o una discussione o una litigata (sia in famiglia, sia sul lavoro) perchè inevitabilmente piango. E' una situazione per me insostenibile perchè in ambito familiare, agli occhi di mio marito divento una ragazzina che non sopporta un rimprovero, non mi vede all'altezza di sostenere una conversaziona animata e ha paura di esprimere liberamente i suoi pensieri perchè teme che io scoppi a piangere (e puntualmente succede). Lui alla fine pensa due cose: o che mi ferisce a tal punto da chiudere la discussione pur di non vedermi piangere o che io faccia la vittima e che cerchi la compassione. Purtroppo non è nessuna delle due cose ed è per questo che chiedo il suo aiuto: è una emozione per me incontrollabile, quando inizio una discussione la mia prima paura è proprio quella di piangere perchè so che effetti ha sull'altra persona e ci sto male il doppio a vedere che l'altra persona pensi che sia lei la causa del mio malessere e si affretta a rimediare o a chiedere scusa. Io non voglio questo: vorrei avere la possibilità come tutti gli altri di parlare e difendere le mie idee senza emozionarmi fino al pianto con tanto di singhiozzi perchè suscito solo l'ilarità e l'aggressività degli altri. Voglio essere una donna a tutti gli effetti davanti a mio marito e non solo. Non sto attraversando un buon periodo perchè da 2 anni vorremmo dei figli che non arrivano e stiamo entrando nella spirale dei controlli medici a vuoto, ma non può essere solo questo la causa di tutto ciò...La prego di darmi un consiglio. Grazie.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del14/04/2008

Gestore l'emotività in modo coerente è molto importante. Purtroppo molte persone, per varie ragioni che spesso risalgono all'infanzia, non ne sono capaci e tendono a far uscire l'emozione in modo incontrollato e dispersivo. Dovrebbe pensare ad una psicoterapia, dopo aver fatto un inquadramento diagnostico della personalità. Però potrebbero essere molto utile anche attività come fare un corso di teatro.Lei ha bisogno di ritrovare l'equilibrio tra ciò che sente dentro e ciò che esce fuori cokme un torrente in piena!

Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra