L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

12/01/2007 20:55:11

Ernia cervico dorsale

Dopo un incidente stradale avvenuto il 06-06 sono stato ricoverato con diagnosi mielopatia cervicale post-traumatica in paziente portatore di stenosi midollare.oggi 01-07 diagnosi rmn..tratto cerv.abolizione della fisiologica curvatura del rachide sul piano sagittale, con atteggiamento eretto del rachide cerv-dorsale.protusione discale tra c4-c5 con piccolo frammento in sede paramediana sx,che comprime il profilo ant. del midollo.protusione discale + ampia tra c5-c6, con aspetti di ernia discale,associata a fenomeni di osteofitosi peridiscale in sede postero-laterale sx, risulta obliterato lo spazio subaracnoideo premidollare,con compressione della faccia anteriore e soprattutto antero-laterale sx del midollo e riduzione dell inbocco del forame coniugale della radice c6 omonima.ulteriore discopatia tra c6-c7 con frammento discale ancora contenuto dalle fibre + periferiche del disco, che comprime la faccia ant. del midollo,apparentemente senza segni di compressione di radicolare. lieve protusione discale tra c7-d1 in sede mediana.il midollo e assottigliato e mostra un focolaio di mielopatia poco al di sopra del disco c6-c7.le apofisi spinose di c6-c7mostrano margini inregolari.TRATTO DORSALE:ernia discale tra d7-d8 che comprime la faccia ant.del midollo dors. senza segni di mielopatia o di compressione radicolare.protusione disc. tra d9-d10,con scarso interessamento della faccia ant.del midollo. Un parere se e necessario l intervento chirurgico x togliere i sintomi che ho. Adormentamento e formicolio dal busto ai piedi comprese le braccia e mani.GRAZIE.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del16/01/2007

La sua situazione appare abbastanza complessa. La RM evidenzia una sofferenza midollare che probabilmente è la causa di molti dei suoi disturbi. Per poter decidere quanto margine di miglioramento ci sia in caso d'intervento e per decidere quindi se un trattamento decopressivo sia indicato, è necessaria valutazione clinica specialistica del neurochirurgo.

Dott. Pier Filippo Sbaffi
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Neurochirurgia
GENOVA (GE)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra