L'esperto risponde

Domanda di: Stomaco e intestino

27/02/2007 22:36:05

ERNIA IATALE PIU GASTRITE

SONO STEFANIA DA QUALCHE TEMPO HO COMINCIATO AD AVERE DEI DISTURBI:TACHICARDIA ,RIGURGITI SUBITO DOPO I PASTI,DIARREA IN CONCOMITANZA CON GLI EPISODI DI TACHICARDIA,PERDITA DI PESO ALMENO 3KG.DOPO VARI CONTROLLI HO FATTO LA GASTROSCOPIA LA QUALE HA RISCONTRATO:ESOFAGO CON MUCOSA INTENSAMENTE IPEREMICA AL TERZO INFERIORE,CARDIAS INCONTINENTE,STOMACO CON MUCOSA IPEREMICA E EROSA,SONO STATE ESEGUITE 2 BIOPSIE DI CONTROLLO IN SEDE ANTRALE,PIROLO REGOLARE,BULBO DUODENALE CON MUCOSA IPEREMICA,DUODENO II PORZIONE REGOLARE.CONCLUSIONI:GASTRITE EROSIVA.ESOFAGITE DA REFLUSSO DI I GRADO SEC.SAVARY.
STO ESEGUENDO TERAPIA CON:PARIET DA 20MG LA MATTINA A DIGIUNO E PERIDON SCIROPPO PRIMA DEI PASTI.
VORREI SAPERE COSA POSSO MANGIARE CON TRANQUILLITA' E RECUPERARE PESO.DISTINTI SALUTI E GRAZIE.
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:

Risposta del02/03/2007

In presenza di un reflusso gastroesofageo è meglio evitare il fumo, i caffè, gli agrumi (possono accentuare la sintomatologia) il pomodoro, evitare di mangiare troppo e troppo condito (i grassi rallentano lo svuotamento gastrico e favoriscono quindi il reflusso), evitare inoltre le bevande gasate.
Per il resto la terapia che sta assumendo va bene e va proseguita per almeno 8 settimane per garantire una guarigione dell' Esofagite .
Cordiali saluti
Alberto Fantin

Dott. Alberto Fantin
Medico Ospedaliero
Specialista in Gastroenterologia



Altre risposte di Stomaco e intestino


© RIPRODUZIONE RISERVATA