25/03/13  - Esito risonanza magnetica - Scheletro e Articolazioni

Esito risonanza magnetica




Domanda del 25 marzo 2013

Domanda


Ho fatto una risonanza magnetica e l'esito mi dice: il disco L5-S1 è marcatamente assottigliato e disidratato, con modesta protusione erniaria circonferenziale del profilo posteriore. Si associa la presenza di alterazione d'intensità di segnale dei piatti vertebrali contrapposti (segnale ridotto nelle immagini T1 pesate ed aumento nelle immagini T2 pesate) da edema-infiammazione (alterazione tipo modic 1). I dischi intersomatici sovrastanti presentano spessore e dell'intensità di segnale conservata senza evidenza di protrusioni enriarie. Il canale vertebrale è normo ampio. Come reperto collaterale, presento angioma somatico di circa un centimetro a livello L4.
Potrebbe spiegarmi cosa significa? Grazie.
Risposta del 26 marzo 2013

Risposta


gentile paziente,
il disco intervertebrale tra l'ultima vertebra lombare e la prima sacrale, è un ammortizzatore idraulico a forma di lente biconvessa (in pratica immagini due piattini da caffè posti l'uno, capovolto, sull'altro, con al centro del silicone a fare da ammortizzatore).
Il suo disco intervertebrale, naturalmente di misura molto piu ridotta, ha perso il silicone e quindi le superfici delle due vertebre (i piattini) si toccano.
Spero di averlo spiegato in temini banali ma comprensibili.
L'angioma è una formazione di piccoli vasi sanguigni all'inteno di una vertebra.
Quello che mi segnala non dovrebbe procurarle nessun fastidio. Ma lo controlli ogni due anni con un esame Rx. Saluti

Dott. Pasquale Prisco
Specialista in Ortopedia e traumatologia
Torre Annunziata (NA)

Il profilo di PASQUALE PRISCO
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Altre domande di Scheletro e Articolazioni



Cerca nel sito


Cerca in


Ricette  |  Farmaci  |  
Schede patologie


Cerca il farmaco
Potrebbe interessarti
Troppa Tv mette a rischio la mobilità
Scheletro e articolazioni
12 settembre 2017
News
Troppa Tv mette a rischio la mobilità
Sì allo yoga, ma con attenzione ai dolori vecchi e nuovi
Scheletro e articolazioni
06 settembre 2017
News
Sì allo yoga, ma con attenzione ai dolori vecchi e nuovi