05/04/13  - Esofagastroduodenoscopia con biopsie - Stomaco e intestino

Esofagastroduodenoscopia con biopsie




Domanda del 05 aprile 2013

Domanda


ESITO DELL'ESOFAGASTRODUODENOSCOPIA:
esplorazione condotta fino alla seconda porzione duodenale. Presenza di anelli diffusi della mucosa esofagea su cui si eseguono biopsie per escludere una esofagite eosinofila. Piccolo papilloma dell'esofago medio a 30 cm dall'arcata dentale che viene rimosso con pinza. Anello di Schatki a livello cardiale senza evidenza di lesioni ulcerative. La mucosa del fondo gastrico si presenta di aspetto a "snake skin" come da gastroscopia congestizia. Non lesioni del corpo ed antro. Edema del bulbo e passaggio con la seconda porzione duodenale con presenza di multipli rilievi pseudopolipoidi erosi in superficie. Non lesioni della seconda porzione duodenale.
Istologia:
A: bulbo duodenale
B: antro + ricerca HP
C:esofago distale
D:lesione papillomatosa
E:esofago prossimale

ESITO BIOPSIE
A-B: gastrite cronica focalmente attiva con atrofia di grado lieve, iperplasia foveolare e rari focolari di metaplasia intestinale. Negativa la ricerca di H.P.
C+E: lamina di epitelio pavimentoso composto acantosico sede di intensa esocitosi eosinofila; il numero di granulociti eosinofili è superiore a 50 per HPF. Il quadro morfologico non contrasta con la diagnosi clinica di esofagite eosinofila.
D: quadro morfologico compatibile con frammenti di papilloma squamocellulare.

Potreste, gentilmente, darmi un'interpretazione a questi due referti? Da quel poco che ho capito non c'è nulla di buono.. si tratta di un tumore maligno? Grazie in anticipo per l'attenzione
Risposta del 06 aprile 2013

Risposta


No, nessun tumore maligno. Si tratta di una infiammazione estesa, che coinvolge esofago, stomaco e duodeno. Nell'esofago si manifesta in quella forma chiamata eosinofila, che di solito è dovuta a disordini di tipo allergico o immunologico. Il papilloma è un piccolo tumore benigno, che può essere asportato completamente nel corso di una esofago-gastroscopia. L'anello di Schatzki è una formazione benigna di cui non è chiara l'origine, ma sembra che sia correlata a un reflusso gastro-esofageo trascurato. Poichè anche l'infiammazione gastrica e duodenale probabilmente sono correlate a un eccesso di produzione acida, sembra opportuno eseguire gli esami che valutano la produzione di acido e di gastrina e poi iniziare una terapia per ridurre la produzione di acido.


Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Milano (MI)

Il profilo di ALBERTO TITTOBELLO
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Altre domande di Stomaco e intestino



Cerca nel sito


Cerca in


Ricette  |  Farmaci  |  
Schede patologie


Cerca il farmaco
Dizionario medico


Potrebbe interessarti
Fusilli di kamut in crema di basilico e dadolata “caprese”
Stomaco e intestino
11 agosto 2017
Ricette
Fusilli di kamut in crema di basilico e dadolata “caprese”
Dieta mediterranea per il benessere del colon
Stomaco e intestino
07 agosto 2017
News
Dieta mediterranea per il benessere del colon
Ai batteri buoni dell’intestino piacciono i mirtilli rossi
Stomaco e intestino
13 luglio 2017
News
Ai batteri buoni dell’intestino piacciono i mirtilli rossi