L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Stomaco e intestino

23/02/2016 22:00:03

Esofagite da reflusso

Buonasera, premesso che sono una persona molto ansiosa (in psicoterapia x disturbi da ansia e attacchi di panico) sono a richiedere un Vs parere. Da dicembre circa ho una sensazione di nausea quasi continua e qualche episodio di bruciore di stomaco. A metà gennaio faringite curata con Oki. Fumavo e non avevo particolari attenzioni all'alimentazione. Poi i primi di febbraio ho avuto un episodio di forte nausea e bruciore alla bocca dello stomaco nel quale ho visto tracce di sangue rosso vivo nella saliva (prima di vomitare)..stessa cosa circa 15 gg fa, ma senza vomito. Il mio medico suppone gastrite e reflusso x cui mi ha prescritto pantoprazolo da 40 (1 al dì) e gaviscon dopo i pasti. Ho fatto visita otorino il quale conferma laringe "ustionata" da reflusso e capillari scoperti che potrebbero essere la causa del sanguinamento. Eco addome (dove però lo stomaco non viene nominato) nella norma. Faccio la terapia da circa 12 gg ho smesso di fumare e sto attenta all'alimentazione, ma tranne la nausea che va meglio, ho sempre bruciore allo sterno/bocca dello stomaco e sensazione di stomaco e addome gonfio. È consigliabile gastroscopia o comunque visita da gastroenterologo? Dopo quanto dovrebbe fare effetto la terapia? Spesso anche dopo gaviscon il bruciore non passa..può cmq essere una gastrite o esofagite? Sono molto preoccupata che possa trattarsi di un tumore allo stomaco. Vi ringrazio anticipatamente per il Vs.gentile aiuto.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del25/02/2016

No, stia tranquilla, non sono sintomi di tumore. Si tratta di una Esofagite da reflusso, con piccole quantità di acido che arrivano fino alla gola, irritandola. In questi casi bisogna avere molta pazienza, perché la cura è più lunga (anche alcuni mesi) e spesso bisogna aumentare le dosi dei farmaci. Questo lo può fare solo il suo medico; lei, intanto, deve solo avere pazienza, insistere con la cura e soprattutto non pensare a patologie che non ha.




Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Specialista in Cardiologia
Milano (MI)


Altre risposte di Stomaco e intestino







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra