L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Stomaco e intestino

20/11/2007 21:14:24

Esofagite ed ernia iatale

Nel 2002 ho fatto la mia prima gastroscopia con diagnosi: Esofagite distale di grado B. Esofago di barrett corto distale (2biopsie). Ernia iatale di medie dimensioni.stomaco e bulbo normali.
Biopsia:Frammenti di mucosa di tipo gastrico senza evidenza di equivalenti morfologici d esofago di barrett; flogosi cronica quiescente; non evidenza di displasia giandolare. Cura Mepral 20+20 per tre mesi poi mantenimento e controllo tra due anni. Possibile destino chirurgico dell'ernia.
20-04-2004: Esofago regolare. Risalita di mucoa gastrica a livello cardiale, posteriormente, possibile espressione di barret corto (3 biopsie). Cardias allargato. Ernia iatale. Stomaco normale. Lago mucoso chiaro.Piloro pervio. Bulbo duodenale e D.II normali.
Biopsia:Mucosa della giunzione esofago gastrica con minima flogosi cronica e minima e focale area di ectasia pancreatica. Non equivalenti morfologici di esofago di Barrett.
Mepral da 10 tutti i giorni
26-01-2007: Esofago regolare, si riconferma esofagite a fiamma con prolasso mucoso e piccola ernia iatale già segnalate nel precedente eame. Stomaco con abbondanti secrezioni ma senza lesioni della mucosa. Piloro pervio. Bulbo duodenale e seconda porzione indenni. Conclusioni; ernia iatale ed esofagite di 1°.
Continuo terapia con mepral da 10mg, tutti i giorni dal 2002, mi farà male? Se provo a smettere anche per due giorni di seguito ho dolori addominali . Cosa devo fare? posso continuare con mepral?

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del23/11/2007

La sua storia clinica è caratteristica : un' Esofagite da reflusso che viene curata correttamente da un inibitore di pompa, a dosaggio giusto. Ripresa dei sintomi, ma soprattutto ricomparsa dell' Esofagite con la dose del farmaco dimezzata. E' imoprtante che le aree di "risalita a fiamma" descritte dall'endoscopista vengano fatte regredire o almeno non aumentino. Quindi il mio parere è che, non solo deve proseguire la terapia, ma con 20 mg. Non tema effetti collaterali indesiderati. Finora( sono poco meno di 20 anni che questi farmaci vengono somministrati a miloni di persone in tutto il mondo) non sono comparsi.

Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Universitario
Specialista in Cardiologia
Specialista in Gastroenterologia
MILANO (MI)


Altre risposte di Stomaco e intestino







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra