19/02/16  - Sideremia - Cuore circolazione e malattie del sangue
L'esperto risponde

Sideremia




Domanda del 19 febbraio 2016
dopo una cura di ferro in fiale di ferritin ot ho effettuato esami del sangue con seguente risultato:

ferritina 3, 1

transferrina 344

sideremia 10

emoglobina 12, 2

ematocrito 40, 2

globuli rossi 4, 78

globuli bianchi 4, 9

mcv 84

mch 26

mchc 30

piastrine 217

vitamina d 10



vorrei un vs consulto in quanto mi domando come mai dopo la cura la sideremia è scesa, questi erano gli esami precedenti la cura

sideremia 23

transferrina 297

ferritina 1, 65

globuli rossi 4, 32

globuli bianchi 4, 5

emoglobina 11, 1

ematocrito 36

mcv 84

mch 25

mchc 30

piastrine 229



come mai non ho assimilato ferro ma anzi ne ho perso ancora di più? soffro di tiroide di hashimoto ma non seguo nessna cura al momento e ho un piccolo fibroma di 14 mm da tenere sotto controllo.



grazie
Risposta del 23 febbraio 2016
In realtà non ha perso ferro: quel poco che ha assimilato, il suo organismo ha preferito metterlo in deposito, cioè nella ferritina, che infatti è un po'aumentata. Il ferro circolante rimane basso. Non può fare altro che insistere con la terapia a base di ferro, eventualmente cambiando prodotto.


Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Specialista in Cardiologia
Milano (MI)
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Altre domande di Cuore circolazione e malattie del sangue



Tags: Cuore circolazione e malattie del sangue

Potrebbe interessarti
Gli esami per il cuore: quando e come affrontarli
Cuore circolazione e malattie del sangue
13 aprile 2017
Focus
Gli esami per il cuore: quando e come affrontarli
Sale: poco e iodato a difesa di cuore e tiroide
Cuore circolazione e malattie del sangue
10 aprile 2017
Focus
Sale: poco e iodato a difesa di cuore e tiroide
Pressione alta: solo un iperteso su 5 segue la terapia
Cuore circolazione e malattie del sangue
06 aprile 2017
News
Pressione alta: solo un iperteso su 5 segue la terapia