L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

29/01/2005 15:57:14

Essere vicin ad 1 amico depresso

Il mio migliore amico soffre di disturbi d'ansia associati a sindome ipocondriaca.Da circa 2 mesi è in cura presso 1 psichiatra con cui pratica terapia cognitiva comportamentale.Io sono la sua confidente e a quanto dice,l'unica che lo capisca(studio medicina):gli altri amici si arrabbiano con lui,credono che esageri e sopravvaluti la sua condizione(ha continui disturbi fisici che sono manifestaz del male psichico).Io lo assecondo,gli sono vicina:sa che può contare sempre su di me.La sera,prima di andare a letto ci sentiamo telefonicam:dice che lo aiuta a riposare meglio!Quando è giù io sono lì pronta a fargli compagnia e a cercare di risollevarlo.Gli dico cose che poi scopro gli dice anche il suo terapeuta(il che mi fa pensare che tutto sommato nn sbaglio!).Però spesso mi chiedo se nn fanno bene gli altri amici ad essere duri con lui...Faccio bene ad essere così tanto 1 punto di riferimento?Dovrei essere meno presente?Come è giusto comportarsi in casi del genere?Vi ringrazio x la risposta!! Rebe

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del01/02/2005

Tutto con misura, altrimenti prima o poi scoppierà lei.
Amicizia e terapia sono una trappola in cui siamo sicuramente incappati tutti, agli inizi ... e anche oltre.
Dia un limite. Il limite è importante. Istintivamente gli altri amici lo pongono.
Un caro saluto, e auguri!

Dott.ssa Giulia Maria D'Ambrosio
Specialista attività privata
MILANO (MI)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra