L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

02/07/2006 23:46:45

Fame d'aria

Gentile Dottore,
Ho 21 anni e da più di tre sono in cura (farmacologica e psicoterapia) a causa degli attacchi di panico che hanno cominciato a verificarsi, volevo comunque precisarle che io soffro di asma......e che l'asma si è sempre presentata in occasioni di ansia e nervosismo e di rado per allergie.
Gli attacchi di panico cominciavano quando io ero sul punto di mangiare, non riuscivo a coordinare il respiro con la deglutizione.....tutto questo mi portava a dover ansimare di frequente fino a giungere all'iperventilazione, peso sul petto, formicolio alle mani, e così fino a sentirmi venir meno......non sono mai svenuta....ho cominciato con i calmanti assieme a seropram...poi ho tolto i calmanti e ho continuato con cipralex.....poi dopo 2 anni senza attacchi mi si sono ripresentati e ho dovuto cambiare medicinale e addirittura aumentare....ora prendo zoloft da 50mm(quelli precedenti mi davano sonnolenza).....ora sono in psicoterapia di gruppo da 6 mesi......ma la fame d'aria mi tortura......nonostante prenda la zoloft.....devo tornare ai calmanti???? la psicoterapia di gruppo mi aiuterà o devo abbinare una psicoterapia dove sono io da sola col medico...e soprattutto cosa mi può dire riguardo la fame d'aria che si presenta in concomitanza con l'atto di mangiare??..ho paura di non poter lasciare più i medicinali.....la ringrazio di cuore....

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del07/07/2006

sembra che lei abbia attacchi d' Ansia proprio nel momento di alimentarsi. probabilmente c'entra anche l' Asma , in quanto lei può essere ipersensibile a quando arriva meno aria, come quando si mangia. bisognerebbe anche considerare se il sintomo si presenta solo quando mangia in compagnia di qualcuno (in quel caso si parlerebbe di fobia sociale) o anche da sola. nel primo caso è meglio la terapia di gruppo, nel secondo forse la terapia individuale. in ogni caso penso potrebbero esserle utili anche tecniche di rilassamento e respirazione tipo training autogeno, mindfullness o yoga. per quanto riguarda la terapia farmacologica , forse è da rivalutare nei dosaggi, o con l'aggiunta dell'ansiolitico, magari al bisogno o solo in prossimità dei pasti.

Dott. Gaspare Palmieri
Casa di cura convenzionata
Specialista attività privata
Specialista in Psichiatria
MODENA (MO)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra