L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Salute maschile

01/12/2007 05:34:24

Fastidio Addome-Inguine-Testicoli

Salve...sono un ragazzo di 20.
Da circa due settimane ho fastidi che si alternano ma cmq sempre dislocati nell'addome e/o inguine.
Non ho nessun problema a andare di corpo ne' a urinare.Ma e' cmq un fastidio quasi sempre costante come se qualcosa facesse pressione sulla pancia e mi crea la sensazione di avere aria nell'intestino.
Inoltre a volte ho un fastido ai due lati dell'inguine fino ai testicoli, ma una sensazione abbastanza leggera mache cmq c'e'.
Le dico anche che sono un soggetto al momento in cura con antidepressivo nonche' molto ansioso e FORTEMENTE ipocondriaco (sottolineo perche' da settembre in poi, cioe' da quando sono entrato in questo stato ansiono/ipocondriaco, ho avuto di tutto...si partiva dal tumore al polmone esofago,stomaco, gola...sclerosi multipla...sarcomi...paura di avere un glaucoma) e ora penso al peggio.Tipo a patologie gravi del tratto intestinale o della prostata. So' che tramite PC non e' molto facile fare una diagnosi, ma non riesco a fare a meno di una consultazione medica (caretteristica dominante dell'ipocondriaco come vuoi saprete benissimo).Cmq volevo solo sottolineare che nn ho mai avuto alcun tipo di DOLORE, ma ho sempre questo fastidio che pero' mi porta in uno stato mentale negativo tanto da condizionarmi le cose quotidiane.
Mi suco per la lunghezza.

In attesa di una vostra risposta.

Cordiali Saluti

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del03/12/2007



Caro giovane lettore,
come già da lei scritto purtroppo quadri clinici particolari e complessi come il suo non possono essere affrontati e tanto meno risolti tramite una semplice e-mail e richiedono sempre una attenta valutazione clinica diretta prima di capire la causa dell'eventuale problema, se c'è, e poi impostare le necessarie strategie terapeutiche. A questo punto potrebbe essere utile una attenta valutazione andrologica.
Un cordiale saluto.




Dott. Giovanni Beretta
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
Specialista in Andrologia
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Specialista in Urologia
MILANO (MI)


Altre risposte di Salute maschile







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra