L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

12/02/2008 12:26:54

Febbricola e Autoanticorpi ANA

Gentili dottori,
vi sottopongo il mio caso nella speranza possiate darmi qualche indicazione.
Tutto è iniziato verso fine settembre, con quella che sembrava essere una banale influenza.
I sintomi però si sono protratti a lungo nel tempo con una fastidiosa febbricola ed una forte astenia raggiungendo il culmine nel periodo natalizio.
Ho effettuato eco all'addome, rx torace ed approfonditi esami del sangue, da cui è risultato che sono venuto a contatto con il citomegalovirus ed il virus della mononucleosi, che però non risultano più attivi.
Gli unici valori fuori posto sono quelli degli anticorpi ANA con valore 1:320 e degli anticorpi anti DNA nativo 1;40.
Ho ripetuto gli esami a distanza di un mese ed i valori sono rimasti pressochè identici.
Ad oggi la stanchezza si è attenuata, rimane però la febbre che sale fino a 37,5 ogni volta che esco all'aria aperta dandomi parecchio fastidio, sono inoltre ormai da due mesi afflitto da una Tosse fastidiosa.
Secondo il mio reumatologo tutto ciò è dato dalla presenza degli ANA anche se ad oggi non ho sviluppato una precisa patologia autoimmune (gli anticorpi SSa SSb sm rnp scl-70 e quelli per l'epatice c e b nonche quello per hiv sono negativi).
Non ho iniziato alcuna terapia.
Può essere che la sola presenza degli autoanticorpi dia tutti questi problemi ?
un grazie anticipato



Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del15/02/2008

Che il virus della Mononucleosi "non sia più attivo", probabilmente significa che al momento degli approfonditi accertamenti ematici non erano più presenti le Ig M contro questo virus. Tuttavia è possibile che la Mononucleosi sia ancora in atto, nella forma subacuta e/o cronica.
Non viè terapia farmacologica per tale condizione, suscettibile, peraltro, di risoluzione spontanea.

Dott. Tonino Grasso
Medicina Territoriale
MARTANO (LE)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra