L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

23/09/2007 18:44:55

Febbricola

Salve dottore,
Sono un ragazzo di 20 anni. Vorrei raccontarle la mia storia del mio problema iniziato ormai da più di tre mesi e ancora non risolto. Quando iniziò ad arrivare il caldo a giugno iniziai a non sentirmi bene: ero molto stanco e sudavo decisamente più del normale. Un pomeriggio poi mi venne in mente di misurarmi la febbre: l'avevo a 37,2 e da quel giorno in poi ce l'ho sempre avuta (stabile sui 37-37,4; a volte anche 36,8. Spesso la sera si abbassa e diventa sormale). Poichè la situazione non migliorava ho fatto subito le analisi del sangue, che non hanno rilevato niente di irregolare, tutti i valori nella norma. Un valore ha però suscitato il mio stupore: la VES a 2. Mi è parso un po' strano, cmq dato che dalle analisi non risultava nulla il mio medico mi recitò la classica frase di buttare via il termometro. Per un po' non ci pensai più, ma la febbricola persisteva, inoltre mi sentivo sempre addosso quella condizione costante di spossatezza, e leggera sudarozione.In particolare quando mi alzavo la mattina mi sentivo debole, poi durante il giorno mi sentivo meglio, ma mai benissimo. Tornai allora dal mio medico che mi prescrisse una radiografia del torace: negativa.
Non sapendo più che fare...decisi di rivolgermi a una visita specialistica. Il medico mi esaminò dalla testa ai piedi testandomi i linfonodi del collo delle ascelle, e poi esaminando milza, fegato e stomaco. E disse che non c'era niente a parte una modesta linfoadenomegalia latero cervicale (il più grande non superava l'1,5cm). Comunque mi prescrisse un altro emocromo completo con tutta la tipizzazione linfocitaria (CD3, CD4...) e anticorpi anti epstein-barr, cytomegalovirus, hiv. Poi urinocultura, esami per la tiroide. Tutto negativo insomma. La ves era ancora bassa (3). Per curiosità toccandomi tutto il collo ho anche notato che sono leggermente gonfi anche i linfonodi dietro le orecchie, credo si chiamino occipitali. Inoltre,a prendo la bocca, ho notato la presenza di un liquido bianco nel faringe, proprio sulla gola (non so potrebbe anche essere normale) e la tonsille leggermente gonfie, specialmente la sinistra. Lo feci presente al mio medico e gli chiesi di poter eseguire una ecografia del collo tanto per stare tranquillo ma, ritestandomeli, mi disse che non ce n'era bisogno poichè quelli che aveva sentito lui non erano cambiati di volume dalla volta scorsa (in effetti continuo a sentirli ancora oggi, e dalla prima volta che ci feci caso due mesi e mezzo fa non sono cambiati affatto di volume). Poi feci anche un tampone faringeo che diede esito positivo (staffilococcus aureus) ma il mio medico mi disse che non era quella la causa poichè quello stafilococco si trova dovunque anche sulla pelle. Mi prescrisse comunque un antibiotico per vedere se la situazione migliorava. Prendendo l'antibiotico (amoxicillina), mi sono uscite delle chiazze rosate (pomfi) che mi davano prurito sui piedi, sui gomiti e sulle braccia che durarono per una settimana, (io non sono allergico agli antibiotici, almeno non ho mai avuto una reazione del genere) per cui smisi di assumerlo dopo una settimana. Ora a settembre la situazione sembra migliorare,( anche se continuo a essere molto preoccupato), è diminuita la sensazione di malessere, mi affatico di meno, anche se ogni tanto mi sento sempre questa dannata febbricola e sensazione di spossatezza. Ogni tanto mi sveglio la notte che mi fa male la gola, soprattutto quando inghiotto. Spero davvero che lei mi possa aiutare anche perchè ho letto di persone con lo stesso problema che ne soffrono da anni. Mi sa consigliare qualche altro esame da fare? Ho visto che in genere associate questa sintomatologia al virus della mononucleosi ma a me le analisi hanno dato esito negativo; La ringrazio in anticipo e mi scuso con lei per l'eccessiva lunghezza della mia esposizione

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del26/09/2007

le consiglierei di non fare altri esami al momento, e di utilizzare un criterio ex adiuvantibus: vista la ipersensibilità all'antibiotico, potrebbee sserle utile un ciclo di inalazioni con acque salsobromoiodiche. MI faccia sapere

Dott. Giampaolo Adda
Medicina generale convenz.
Pubblica amministrazione
Specialista attività privata
Specialista in Medicina alternativa (omeopatia,agopuntura...)
Specialista in Medicina dello sport
MILANO (MI)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra