L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Cuore

10/07/2006 12:22:24

Fistola pilonidale

A mia figlia di sedici anni è comparsa purtroppo una fistola pilonidale che si è aperta un poco spontaneamente e per la quale il chirurgo ha praticato un'ulteriore incisione per pulire e favorire l'eliminazione del pus. Ora si sta sottoponendo alle medicazioni, ma mi hanno già detto che l'unica terapia è quella chirurgica e che le vie più utilizzate sono quella "aperta" o quella "chiusa" con il drenaggio. Io ho letto dell'intervento con l'utilizzo della plastica di scorrimento sec. Duformentel: è possibile sapere in che cosa consiste?
Grazie.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del13/07/2006

Una volta asportata la cisti pilonidale vi è il problema della successiva guarigione della ferita chirurgica residua e del rischio di recidiva.
Nessuna delle tre tecniche elimina il rischio di recidiva che è più basso con la tecnica aperta, che però richiede più di un mese perchè la ferita chirurgica guarisca, e più elevato per la tecnica di sutura diretta.
Intermedio tra le due è il rischio di recidiva (la cisti cioè si riforma) con la ricostruzione con tecniche di chirurgia plastica che riducono la tensione della linea di sutura e spostano la cicatrice rispetto alla linea mediana. Si utilizzano lembi di scorrimento, plastiche a Z, ecc. .

Dott. Matteo Impellizzeri
Medico Ospedaliero
Specialista in Chirurgia generale


Risposta del14/07/2006

La cisti pilonidale ( o cisti a nido di peli) è caratteristica della regione sacro-coccigea.
Essa può andare incontro a una o più complicanze suppurative e abbastanza facilmente, se non correttamente trattata, recidiva.
Una delle tecniche meno note, ma molto efficace, è quella della crionecrosi ( necrosi da freddo)
L’intervento, che pratico da oltre 30 anni, si svolge in ambulatorio (ovviamente attrezzato, in anestesia locale, e consiste nel portare, con un apparecchio chiamato “criotomo” la regione interessata dalla cisti, a circa -90°C, ovvero a meno 90 gradi centigradi.
La necrosi che interessa il tessuto, a causa della bassa temperatura, guarirà in pochi giorni, e la cicatrizzazione avverrà in circa tre/quattro settimane.
Durante tale periodo è possibile attendere alla propria attività lavorativa !
Il Paziente, effettuato l’intervento, torna immediatamente al suo domicilio, o, se giunge da lontano, sosterà per 48 ore in albergo.
Può immediatamente attendere alla normale vita quotidiana, perché sede dell’intervento e le medicazioni sono assolutamente indolori.


Dott. Paolo Bruschelli
Casa di cura convenzionata
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Ricercatore
Specialista in Anestesia e rianimazione
Specialista in Chirurgia generale
CIVITANOVA MARCHE (MC)


Risposta del16/07/2006

Indubbiamente la risoluzione definitiva della "Fistola pilonidale" conosciuta anche come "Cisti sacrococcigea" è chirurgica. Qualsiasi tecnicha se ben eseguita dà risultati duraturi.

Prof. Massimo Schiavone
Medico Ospedaliero
Specialista in Chirurgia apparato digerente
Specialista in Chirurgia d’urgenza
Specialista in Chirurgia generale
ROMA (RM)


Altre risposte di Cuore







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra