L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Cuore

06/07/2006 13:05:41

Fistola

Sono un ragazzo di 17 anni circa 8 mesi fa sono stato operato x la prima volta di fistola sacro coccigea...la ferita nn si è mai chiusa e giorno 8 marzo sn stato operato x la seconda volta(sempre chiudendo la ferita)...il problema è che la ferita mi ha preso 3 volte infezione(proprio nel momento in cui sembrav che stesse passando)...circa 2 mesi fa si è aperto un buchetto inferiore(il dottore ha detto che era dovuto a qualche bruciatina,stando troppo tempo seduto)da questo buchetto spurgava e spurga ancora...purtroppo adesso il liquito sta cominciando a fare puzza e il dott sta provvedendo a disifenttarlo immettendo acqua ossigenata, e poi utilizza del nitrato d'argento(mi pare che si chiama così)....quello che io temo è che io debba essere operato x la 3 volta....avevo letto un suo articolo nel quale afferma che lei utilizza la tecnica della necrosi...volevo sapere se era possibile effettuarlo ad un paziente di fistola recitiva....

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del11/07/2006

La cisti pilonidale ( o cisti a nido di peli) è caratteristica della regione sacro-coccigea.
Essa può andare incontro a una o più complicanze suppurative e abbastanza facilmente, se non correttamente trattata, recidiva.
Una delle tecniche meno note, ma molto efficace, è quella della crionecrosi ( necrosi da freddo)
L’intervento, che pratico da oltre 30 anni, si svolge in ambulatorio (ovviamente attrezzato, in anestesia locale, e consiste nel portare, con un apparecchio chiamato “criotomo” la regione interessata dalla cisti, a circa -90°C, ovvero a meno 90 gradi centigradi.
La necrosi che interessa il tessuto, a causa della bassa temperatura, guarirà in pochi giorni, e la cicatrizzazione avverrà in circa tre/quattro settimane.
Durante tale periodo è possibile attendere alla propria attività lavorativa !
Il Paziente, effettuato l’intervento, torna immediatamente al suo domicilio, o, se giunge da lontano, sosterà per 48 ore in albergo.
Può immediatamente attendere alla normale vita quotidiana, perché sede dell’intervento e le medicazioni sono assolutamente indolori.


Dott. Paolo Bruschelli
Casa di cura convenzionata
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Ricercatore
Specialista in Anestesia e rianimazione
Specialista in Chirurgia generale
CIVITANOVA MARCHE (MC)


Altre risposte di Cuore







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra