L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

16/07/2007 22:54:37

Fobia sociale

Avendo letto i vostri articoli sulla fobia sociale ho visto rispecchiati piuttosto bene in questo problema alcuni '' sintomi'' di cui soffro da ormai diversi anni, se non forse da sempre! Mi domando a questo punto come posso sapere se la terapia veramente giusta sia quella cognitivo comporta-
mentale? Purtroppo vedo poi nel vostro regolamento che non fornite indirizzi di strutture o professionisti ma avrei voluto volentieri sapere dove potermi rivolgere per affrontare magari une terapia piuttosto che un'altra, abitando io tra la provincia di brescia e quella di bergamo! in attesa di risposta porgo cordiali saluti

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del19/07/2007

La sua domanda è molto pertinente: come si fa a capire quale sia la terapia più indicata? Sicuramente vi sono alcuni elementi di valutazione che portano ad escludere certe terapie e a restringere la scelta fra altre. In questa scelta hanno un ruolo importante la precisa diagnosi la quale va posta sia in riferimento alle caratteristiche generali della sintomatologia, ma anche in riferimento alle caratteristiche specifiche del paziente. Solitamente la fobia sociale viene afforntata con tecniche cognitivo comportamentiste, ma in certi casi è preferibile orientarsi su terapie di orientamento analitico. Le potrà sembrare strano che si possano prendere in considerazione terapie così differenti, ma come dicevo prima la scelta va posta anche sulla base di caratterstiche specifiche del singolo paziente. Di sicuro la prima cosa da fare è che lei abbia la formulazione di una diagnosi precisa che fornisca una valutazione quantitativa della componenta ansiosa e della componente depressiva e che fornisca indicazioni sulla struttura di personalità e le ipotesi di genesi del disturbo. Questo viene fatto attraverso colloqui clinici e test. Alla luce di quanto emerge potrà, con maggiori elementi a disposizione, fare una scelta terapeutica il più adeguata possibile.




Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra