L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

25/05/2005 17:21:31

Forte dolore all'ano

Mia madre sopre di forti dolori al retto.
20 anni fa ha fatto l'intervento alle Emorroidi .
Ultimamente ha fatto la rettoscopia e non le hanno trovato niente.
Le hanno fatto fare una ecografia e le hanno trovato il fegato grasso.
A livello ginecologico, ha subito, all'età di 45 anni l'asportazione dell'utero e le ovaie sono atrofizzate.
Pertanto cosa può essere questo dolore costante che in certi giorni le si acutizza fino a toglierle il fiato?
Grazie

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del29/05/2005

Gentile signora, la storia da lei descritta è molto sintetica, pertanto non si può fare alcuna diagnosi. Non credo sia lo scopo di questa rubrica. Però data la storia mi sento in dovere di doverla informare che in questi ultimi anni si e' delineata una sindrome che si chiama "sindrome di Alcock" in cui compaiono dolori violenti alla regione anale e perianale, dolore al clitoride tanto da rendere difficili o impossibili i rapporti sessuali, la persona colpita non può sedersi e ha dolore quando defeca. Tale sindrome insorge spesso a seguito di interventi ginecologici per cui la reazione cicatriziale post-intervento "intrappola" il nervo pudendo causando, appunto tali dolori. Esistono dei trattamenti che consistono nella liberazione del nervo pudendo o nella neuromodulazione. Non posso dire che si tratti di tale sindrome ma se riscontrasse una storia simile si rivolga a un neurochirurgo, o a un chirurgo ginecologo.
Cordialmente

Dott. Gaspare Francesco Montemagno
Casa di cura convenzionata
Specialista attività privata
Specialista in Neurochirurgia
AUGUSTA (SR)


Risposta del01/06/2005

consiglierei di ripetere l'esame rettosigmoidoscopia ed inoltre potrebbe essere sfuggita all'analisi una ragade anale. Se non risultasse ancora nulla bisognerebbe approfondire l'esame facendo una coloscopia e farsi vedere comunque da un buo internista. Auguri

Dott. alessandro romano
Specialista attività privata
Specialista in Chirurgia maxillo facciale
Specialista in Odontoiatria
ROMA (RM)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra