L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Scheletro e Articolazioni

26/05/2006 14:00:24

Frattura metatarso

Salve! Ho rotto la base del 5° metatarso atterrando male. Il giorno successivo al trauma mi hanno applicato una fasciatura rigida in ospedale ("per farlo sgonfiare") e 3 giorni dopo sono stato ingessato. La frattura non è scomposta ed è la prima volta che "mi rompo". Secondo
il medico dell'ospedale devo tenere il gesso per 30 giorni. Volevo chiederle dopo quanti giorni posso iniziare a poggiare il peso sul piede ingessato, se non sono esagerati 30 giorni di gesso e se esistono altri modi per accellerare la guarigione.
Grazie per l'attenzione. Cordiali saluti.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del29/05/2006

Il trattattamento della frattura composta della base del V° metatarso consiste generalmente nell'applicazione di uno stivaletto gessato non deambulatorio per 30 gg, poi controllo radiografico; se vi è formazione di callo osseo sufficiente può essere concesso carico parziale per successivi 30 gg. Se il nuovo controllo dimostra ancora miglioramento del callo di frattura può essere concesso carico libero prima con un bastone e poi senza.
A tutt'oggi non esiste nessun mezzo farmacologico o meccanico che possa significativamente velocizzare il processo di guarigione delle fratture

Dott. Daniele Mariani
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Chirurgia plastica ricostruttiva
Specialista in Medicina fisica e riabilitazione
Specialista in Ortopedia e traumatologia


Altre risposte di Scheletro e Articolazioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra