L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

06/02/2005 09:43:40

Fuoco di S. Antonio

Il 23/12/04 un medico mi ha diagnosticato il "fuoco di Sant'Antonio", mi ha fatto prendere 3 capsule al giorno di antibiotico specifico mi sembra "FamVir" (320 euro!!!!) per 7 giorni; effettivamente il rossore e le pustole hanno regredito ma, a tutt'oggi, mi è rimasto un dolore interno notevolissimo. Basta sfiorare la pelle e vedo le stelle. La parte interesseata era di circa 12/15 cm di altezza, da sopra l'ombelico fino alla colonna vertebrale. Mi so non stati ordinati, per lenire il dolore 2 farmaci: prima Neurontin 100 e poi Rivotril gocce, non potendo prendere Aulin in quanto scoagulato a causa di un'aritmia atriale. Entrambi questi farmaci non leniscono alcunchè e mi comportamento dei giramenti di testa oltre a confusione e debilitazione. Chiedo: posso prendere Aulin o almeno Paracetamolo senza rischi per la scoagulazione? Esistono altri farmaci per combattere il dolore interno? Quanto tempo durerà questo dolore? Grazie in anticipo.
bruno giordano

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del14/02/2005

Come conseguenza del Suo disturbo, che correttamente si definosce " Herpes zoster ", sta accusando una
"nevralgia post-herpetica". Il farmaco Neurontin è corretto quale terapia del dolore di questo tipo (dolore neuropatico, cioè dovuto a disfunzione dei nervi periferici). Tuttavia va valutato bene il dosaggio di tale farmaco: 100 mg quante volte al giorno? 100 mg al giorno sarebbe un dosaggio assolutamente insufficiente; il Neurontin si può prescrivere fino a 3600 mg e più in casi particolari. Dipende dalla tollerabilità del farmaco (in genere è ben tollerato; nel suo caso era proprio questo che le provocava capogiri e confusione? O non piuttosto il Rivotril che ha in effetti una forte azione sedativa?). Il paracetamolo è compatibile con la terapia anticoagulante ma anche di questo farmaco è bene non fare abuso. Nel Suo caso va rivista senz'altro la terapia preventiva del dolore (possibile utilizzo anche di antidepressivi ad azione antalgica, se non controindicazioni, che devono essere valutate dal Neurologo o dall'Algologo). Difficile dare un giudizio di durata del dolore

Cordialmente



Dott. Marco Trucco
Specialista in Neurofisiopatologia
Specialista in Neurologia
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
PIETRA LIGURE (SV)



Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra